Il 28 novembre su Sky Atlantic HD arriva Babylon Berlin

Ogni martedì alle 21.15
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – E’ una delle serie tv più attese e dal 28 novembre sarà possibile vederla anche in Italia su Sky Atlantic HD.  Si tratta di “Babylon Berlin”, uno dei prodotti seriali più costosi di sempre: circa 50 milioni di euro in totale, per realizzare le riprese tenutesi in oltre 300 diverse location.

Tratta dall’opera Der nasse Fisch di Volker Kutscher, “Babylon Berlin” descrive la Berlino degli anni ’20 nel periodo della Repubblica di Weimar, tra intrighi politici, omicidi, emancipazione, droga ed estremismo.  A scrivere la sceneggiatura e dirigere la serie tre grandi artisti Tom Tykwer, Henk Handloegten e Achim von Borries.

In Germania è già in onda la seconda stagione, mentre in Italia per ora vedremo soltanto gli 8 episodi che compongono la prima, ogni martedì alle 21.15. La serie è stata presentata in anteprima al Festival di Berlino e successivamente alla Festa del Cinema di Roma.

Sinossi

Berlino nei ruggenti anni ’20  è una metropoli piena di talento e ambizione, ma anche di imbroglioni. Sotto la superficie glitterata, le masse impoverite lottano per una vita migliore. E’ questo il tempo del crimine organizzato e dell’estremismo politico.

Gereon Rath (Volker Bruch) un ispettore di polizia originario di Cologna viene chiamato in città per risolvere un caso spinoso che lo trasporterà in un mondo di corruzione e droga. A fianco a lui il collega Bruno Wolter (Peter Kurth) che lo aiuterà nelle indagini e la stenografa Charlotte (Liv Lisa Fries).

Ecco una clip in italiano tratta dalla serie:

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»