Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bernaudo: “Piano Raggi bus turistici determinerà crisi del settore privato”

Il coordinatore dell'area metropolitana di Roma a sostegno degli autotrasportatori privati dei pullman turistici
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BernaudoROMA – “Ho presenziato e sostenuto il presidio degli autotrasportatori privati dei pullman turistici di fronte all’assessorato della Mobilità di Roma Capitale, in occasione della commissione Mobilità che oggi esaminerà la bozza della Giunta, propedeutica alla delibera consiliare per il nuovo piano pullman”. Così Andrea Bernaudo, coordinatore dell’area metropolitana di Roma del Partito liberale italiano.

“A quanto abbiamo appreso il progetto della Giunta targata 5 stelle prevede la chiusura totale del Centro storico ai pullman privati- continua- Per entrare fino all’anello ferroviario dovranno pagare 600 euro al giorno per ogni singolo pullman, oltre ad altri balzelli per accedere alle periferie.

In sintesi anzichè razionalizzare il settore e gestire le soste il piano della Giunta Raggi, se approvato, comporterebbe la chiusura totale agli operatori privati del settore. Non vorrei che il vero intento della Raggi sia quello di far gestire anche il trasporto turistico privato dall’Atac”. “Noi ci batteremo contro questa scelta, perchè semmai andrebbe fatto il contrario e cioè chiudere l’Atac, azienda decotta che si tiene in piedi solo grazie al rifinanziamento annuale da parte dei contribuenti e lasciare spazio ai privati. Noi ci batteremo- conclude Bernaudo- per far uscire la politica dalla gestione dei servizi e privatizzare anche il servizio pubblico dei trasporti, attraverso gare ad evidenza pubblica tra i migliori operatori privati del settore”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»