Reporters without borders denuncia: dal 2010 uccisi 10 giornalisti ambientali

Reporters without borders- la Ong internazionale impegnata nel
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

giornalismo ambientale1Reporters without borders– la Ong internazionale impegnata nel monitoraggio delle condizioni in cui lavorano e il relativo rispetto dei diritti dei giornalisti nel mondo- ha denunciato che dal 2010 ad oggi 10 reporters impegnati sono stati uccisi per aver portato alla luce crimini ambientali– tra cui il disboscamento selvaggio, l’inquinamento e le trivellazioni indiscriminate.

Il rapporto dal titolo ‘Hostile climate for environmental journalists’ e’ stato realizzato proprio in occasione della conferenza Onu sul clima Cop 21, che apre oggi i suoi lavori in Francia. Lo scopo e’ quindi quello di fare luce su questo allarmante fenomeno, e sulle “violenze contro uomini e donne che indagano in questo campo, spesso da soli” ha dichiarato Cristophe Deloire, segretario generale di Rwb, che ha proseguito sottolineando che nel 2015 il problema “ha raggiunto livelli mai visti prima”.

Oltre agli omicidi- avvenuti per il 90% in Asia meridionale e sud-orientale, vale a dire in India, Cambogia, Filippine e Indonesia- i giornalisti hanno denunciato casi di minacce, attacchi e violenze. In alcuni casi hanno subito addirittura torturee o condanne al carcere- come il freelance uzbeko Solidzhone Abdurakhmanov, in prigione da ormai 7 anni. I governi a volte esercitano attivamente la censura, come in Ecuador, dove e’ stata varata una legge ad hoc che vieta a chiunque di diffondere notizie a proposito delle trivellazioni nel parco nazionale di Yasuni, una perla della biodiversita’ universalmente riconosciuta. In altri casi, invece, ai giornalisti le societa’ responsabili di danni ambientali offrono denaro incambio del silenzio.

“Il meticoloso ma pericoloso lavoro di raccolta e diffusione delle informazioni di questi reporter e’ indispensabile se vogliamo raggiungere un maggiore livello di consapevolezza verso i pericoli che minacciano il nostro pianeta” ha aggiunto Deloire, sottolineando in conclusione che “nell’era della Cop 21 non si puo non avere coscienza di tale questione”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»