Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Napoli chiude l’hub vaccinale di Capodichino, 260mila le dosi somministrate in sei mesi

vaccino
Realizzato nell'hangar Atitech e inaugurato lo scorso 2 maggio, è stato uno dei centri più grandi d'Italia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Chiude a Napoli il centro Vaccinale che l’Asl Napoli 1 Centro ha realizzato nell’hangar Atitech di Capodichino, inaugurato lo scorso 2 maggio nell’hangar Avio 2. “La scorsa settimana – spiega il direttore generale dell’Asl Napoli 1 Centro Ciro Verdoliva – la struttura ha concluso la sua attività raggiungendo le 260mila vaccinazioni somministrate in circa sei mesi. Questo centro vaccinale interaziendale è stato uno dei più grandi d’Italia, organizzato nei 10mila metri quadrati dell’hangar con l’impiego di 150 unità di personale ogni giorno, 14 box di accettazione, 32 box vaccinali, l’area di attesa di sicurezza dopo la somministrazione del vaccino e due locali attrezzati per il primo soccorso”.

Il solo hangar ha raggiunto quota 6mila vaccinazioni al giorno. “Ho sentito il dovere, parlandone con il presidente della Regione Vincenzo De Luca, di fare un ulteriore passo per aiutare le istituzioni in un momento difficile – dice il presidente di Atitech Gianni Lettieri – un’esperienza significativa, un esempio virtuoso di sinergia tra pubblico e privato che ha visto collaborare insieme l’Atitech, la Regione Campania e l’Asl Napoli 1 Centro”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»