Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

A Milano l’Inter licenzia tre magazzinieri over 50, la Cgil insorge

inter_lavoratori
I licenziamenti sono fissati all'1 di novembre, quando scade il blocco deciso dal governo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – L’Inter di Steven Zhang “conferma di voler licenziare tre lavoratori del suo magazzino centrale“, e questa mossa non è gradita alla Cgil Milano, che chiede alla società nerazzurra una rapida retromarcia. Dallo scorso primo ottobre infatti, come riporta il sindacato, i tre magazzinieri (ultracinquantenni) sono stati sospesi dal lavoro a causa della decisione dell’azienda di “esternalizzare l’attività” ad una società terza.

“Nonostante i tentativi messi in campo dalla Cgil per trovare soluzioni alternative al licenziamento, come il reimpiego in altre mansioni, peraltro facilmente percorribile data l’esperienza polivalente dei lavoratori in questione”, il club calcistico milanese come fanno sapere i rappresentanti sindacali ha “inspiegabilmente” confermato di voler chiudere i tre rapporti di lavoro “a partire dall’1 novembre”, data di scadenza del blocco dei licenziamenti decisi dal governo.

Ora, “considerando che la somma dei tre stipendi costituisce una minima frazione dello stipendio medio che l’Inter paga ai giocatori e che il club ha sempre promosso valori come l’uguaglianza e la fratellanza”, la Cgil locale ritiene questa decisione “non accettabile”, per questo chiede alla società meneghina di “tornare indietro nelle sue intenzioni”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»