Il sedere piace e la vulva fa paura. Quante storie per un assorbente

Polemiche per uno spot anti tabù di una nota azienda che promuove una nuova linea ‘bio’ di assorbenti
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Una conchiglia appoggiata sulle gambe, una pesca succosa dal cuore rosso che sgocciola sangue, e una donna, non proprio filiforme che, davanti allo specchio, tocca i suoi lunghi mossi capelli, pronta ad entrare nei suoi slip con l’assorbente. É lo spot anti tabù di una nota azienda che promuove una nuova linea ‘bio’ di assorbenti. E giù polemiche. “È solo cattivo gusto” titola Il Secolo XIX e “Superato ogni limite di decenza, pratica pubblicitaria cruda e inadatta al piccolo schermo” tuona l’Aiart”, l’ associazione cittadini mediali – non medioevali – in una nota ufficiale. Ma a questo Dicastero del Pubblico Pudore piace il corpo femminile solo con sedere e seni maxi e senza vulva? Il problema è l’organo genitale o il ciclo? Una bella competizione tra psicosi e ridicolo. Perché, a dire il vero, di immagini offensive e indecenti della creatura femminile l’amata scatola televisiva ha riempito le case e le scatole degli italiani per anni e anni, con taciti silenzi, aggradando le voglie erotiche di troppi, con buona pace di pregiudizi e offese alla nostra dignità. Quindi esistono le mestruazioni, ogni 28 giorni e sono proprio così. È parola di Vulvia, su Rieducational Channel. 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

28 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»