Premio Penisola Sorrentina, la ‘Bellezza è un tesoro nascosto’

A fare quest'anno da settore trainante il mondo dell'audiovisivo e del cinema, nel rapporto con l'attualità, la musica, il doppiaggio
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – È stata l’edizione del coraggio. Il Premio “penisola sorrentina” in piena pandemia non ha rinunciato a celebrare un anniversario importante offrendo la testimonianza di un impegno civile incessante ed irrinunciabile. A fare quest’anno da settore trainante il mondo dell’audiovisivo e del cinema, nel rapporto con l’attualità, la musica, il doppiaggio. Intensi e suggestivi gli interventi al pianoforte di Danilo Rea (presidente della sezione musica e cinema della kermesse). Stimolanti le riflessioni di Luca Barbareschi in video collegamento da Roma.

LEGGI ANCHE: Premio Penisola Sorrentina, arriva l’Alto Patrocinio del Parlamento europeo

Novità esclusiva di quest’anno l’approccio al mondo digitale che ha consentito di mettere comunque in scena un format spettacolare televisivo concepito in forma “phygital”, che ha permesso ai premiati di partecipare alla manifestazione di consegna dei riconoscimenti anche in collegamento da diversi luoghi a causa delle restrizioni legate alla epidemia Covid 19.

“Un momento storico davvero insolito in cui non abbiamo voluto arrenderci”, ha affermato il patron della kermese Mario Esposito, affiancato sul palco da Antonio Salvoni e dalla attrice e cantante Anna Capasso, che ha presentato l’audiovisivo musicale “Bye Bye”.

LE NOMINATION DEL PREMIO PENSISOLA SORRENTINA 2020

Ecco le nomination dell’edizione 2020: Lunetta Savino (miglior attrice per le interpretazioni in “Felicia Impastato” e ne “Il figlio della luna”), Peppe Servillo (per Musica e Cinema), Lello Arena (vincitore della sezione dedicata allo sceneggiatore Dino Verde), Leo Gassmann (premio giovanile dedicato a Lino Trezza), Nathalie Caldonazzo e Francesco Branchetti (spettacolo dal vivo).

Un riconoscimento per l’audiovisivo andrà a “Viaggio nell’Italia del Coronavirus” a cura della TgR Rai diretta da Alessandro Casarin. Premio speciale per la letteratura a Roberto Napoletano. Il riconoscimento della Regione Campania è stato assegnato alla serie “I Bastardi di Pizzofalcone 2“. Lo spettacolo di premiazione al mattino è stato preceduto da una web conference trasmessa in diretta sulla piattaforma della cultura della Regione Campania. Il simposio, organizzato con il sostegno istituzionale del gruppo Intesa Sanpaolo, è stato dedicato ad ambiente, turismo e cultura e ha visto alternarsi, in presenza e in remoto. gli interventi di Massimo Coppola (Sindaco di Sorrento), Gaetano Milano (Amministratore della Fondazione Sorrento), Luigi Cerciello Renna (Docente di legislazione ambientale, Universita’ di Roma4), Giampaolo D’Andrea (Consigliere per gli affari istituzionali del Ministro Dario Franceschini), Patty L’Abbate (Componente Commissione Ambiente, territorio e beni ambientali – Senato della Repubblica), Raffaele Lauro (Segretario generale Unimpresa), Roberto Napoletano (direttore del “Quotidiano del Sud”), Giuseppe Nargi (Direttore Regionale Campania, Basilicata, Calabria e Puglia Intesa Sanpaolo), Rosanna Romano (Direttore generale Politiche Culturali e Turismo -Regione Campania). Le conclusioni sono state affidate a Anna Laura Orrico (Sottosegretario al Cinema per il Ministero Beni Culturali e Turismo).

Premi speciali a Luigi Cerciello Renna ed Antonino Siniscalchi. L’edizione 2020 del Premio per il cinema e l’audiovisivo “Penisola Sorrentina” ha complessivamente promosso il concetto di Bellezza come “tesoro nascosto dell’economia”, secondo l’aforisma di Roberto Napoletano elaborato in esclusiva per la copertina d’autore del Premio diretta dall’artista sannita Giuseppe Leone.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

28 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»