Protesta degli imprenditori a Reggio Calabria, Falcomatà: “A pagare non siano solo alcune categorie”

"Stiamo lavorando affinché le misure di ristoro per tutto il comparto delle attività produttive, ristorazione e le associazioni sportive non tardino ad arrivare"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

REGGIO CALABRIA –  “Siamo al loro fianco, siamo in prima linea perché comprendiamo pienamente le problematiche di un settore che lentamente e quotidianamente stava provando a rialzarsi rispetto alle complicazioni e negatività legate alla Fase uno”. Così alla Dire il sindaco di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà sulle proteste di imprenditori e titolari di attività sportive in città verso le disposizioni inserite nell’ultimo Dpcm.

LEGGI ANCHE: Stop palestre e piscine, ristoranti chiusi la domenica: la bozza del nuovo Dpcm

“Ci sentiamo parte della protesta – ha aggiunto – che al momento si sta svolgendo civilmente e senza disordini. Rispetto a quello che è il ruolo da sindaco, stiamo lavorando a quello che può essere uno stimolo nei confronti del governo affinché le misure di ristoro per tutto il comparto delle attività produttive, ristorazione e le associazioni sportive non tardino ad arrivare. Se bisogna affrontare nuove misure restrittive per evitare il diffondersi del contagio – ha concluso Falcomatà – è bene che si faccia nella piena consapevolezza che a pagare non siano solo i commercianti, gli imprenditori e il mondo dello sport e chi sta subendo i prima persona queste restrizioni”.

LEGGI ANCHE: 

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

28 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»