hamburger menu

Ristoratori in piazza a Napoli con tovaglie e scontrini per De Luca

"Non ci va di conoscere il nostro futuro tramite una diretta Facebook"

NAPOLI – Una tovaglia bianca sistemata a terra con piatti, bicchieri e posate. Un cartellone raffigurante uno scontrino gigante che riporta tutte le perdite subite da marzo ad oggi e indirizzato al governatore della Campania Vincenzo De Luca. Si è svolta così la manifestazione indetta anche a Napoli da Fipe-Confcommercio e che ha interessato le principali piazze italiane. Ristoratori, cuochi, titolari di bar, pizzerie, pasticcerie e di altre attività si sono dati appuntamento a Napoli, fuori alla sede della Regione a Santa Lucia, per contestare le recenti misure per limitare la diffusione del Covid introdotte con l’ultimo Dpcm e con le recenti ordinanze del presidente della Regione.

LEGGI ANCHE: Approvato il ‘decreto Ristori’: “Sei settimane di Cig Covid fino al 31 gennaio”

“Siamo a terra, questo è lo slogan della manifestazione per descrivere la condizione di disagio in cui ci troviamo – ha spiegato alla Dire Massimo Di Porzio, presidente di Fipe Confcommercio Napoli -, un disagio non solo economico ma anche morale: siamo stati oggetto di provvedimenti che nell’ultimo mese si sono susseguiti e intreccianti, con Dpcm che andavano a sovrapporsi a ordinanze regionali. Noi abbiamo bisogno di chiarezza, i pubblici esercizi sono un quinto delle aziende italiane e campane. Chiediamo rispetto, dignità e di partecipare ai tavoli di concertazione. Vogliamo essere messi a conoscenza dei provvedimenti prima che vengano approvati: non ci va di conoscere il nostro futuro tramite una diretta Facebook. Non lo accettiamo e non lo accetteremo”. La categoria guarda con favore alle misure contenute nel decreto Ristori, ma la Fipe Confcommercio assicura “vigilanza perchè vengano rispettati i tempi e gli impegni assunti dal presidente Conte”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, centinaia di taxi e scuolabus invadono piazza del Plebiscito a Napoli

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2020-12-17T20:08:23+02:00