VIDEO | Governo, ecco il lodo Pisicchio: “Una Bicamerale Emergenza Covid, con presidenza all’opposizione”

consiglio ministri
"La collaborazione tra maggioranza e opposizione certamente non può assumere la forma dell'unità nazionale": dice il saggista, docente universitario e uomo di governo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Si avvicina la possibilita’ di un nuovo lockdown e la politica sperimenta un clima di concordia nazionale. Il segretario del Pd Nicola Zingaretti apre alla collaborazione con le opposizioni. Silvio Berlusconi si dice pronto a votare al Senato i provvedimenti che vanno nell’interesse del Paese. Ma come dare forma a questo nuovo tipo di intesa senza stravolgere l’assetto e il segno politico del governo guidato da Giuseppe Conte? Al ‘rebus’ risponde Pino Pisicchio. Saggista, docente universitario, ex parlamentare e uomo di governo con 24 anni di esperienza alle spalle, interpellato dall’agenzia Dire propone di dare vita a una Bicamerale Emergenza Covid, la cui presidenza sia assegnata all’opposizione.

“La collaborazione tra maggioranza e opposizione certamente non può assumere la forma dell’ unità nazionale. Io non la vedo possibile non perché non sia auspicabile, ma perche’ non mi pare siano compatibili i discorsi che ascolto da parte della maggioranza e dell’opposizione”, premette Pisicchio. E aggiunge che “qui c’è poco da fare: non serve il tavolo di ascolto, l’unica forma istituzionale e’ quella di una commissione bicamerale che abbia un’interazione diretta con il governo su temi specifici, legati evidentemente all’ emergenza sanitaria, e tutte le conseguenze che con l’emergenza arrivano, compreso l’ intervento massivo da parte dell’ Europa per sostenere l’ economia italiana”. Il ‘lodo Pisicchio’ prevede “la presidenza devoluta ad un membro dell’ opposizione, alla maniera tedesca. I tedeschi hanno una commissione parlamentare sulla questione fondamentale del bilancio, il cui presidente e’ un membro dell’opposizione. E’ chiaro che questo non cambia il rapporto di forza” tra i due schieramenti “ma ha un significato politico molto alto perché l’ opposizione in questo caso con la sua presidenza esercita un controllo. Credo che questo possa essere un modo istituzionalmente coerente di affrontare il nodo dell’emergenza Covid in un clima di collaborazione”. La bicamerale sarebbe compatibile “con un governo che abbia anche un segno diverso dall’opposizione. La maggioranza continua a fare la maggioranza ma ascolta l’opposizione. E non lo fa di tanto in tanto, come fatto di galateo istituzionale, ma la ascolta per dovere istituzionale”.

https://vimeo.com/473015654

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»