Coronavirus, centinaia di taxi e scuolabus invadono piazza del Plebiscito a Napoli

Protestano contro le misure previste nel decreto Ristori e i provvedimenti introdotti dall'ultimo Dpcm e dalle ordinanze regionali
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Piazza del Plebiscito è invasa da decine di taxi, scuolabus, mezzi Ncc e anche bus turistici. Gli autisti sono davanti all’ingresso della prefettura di Napoli per chiedere che il governo ascolti le loro richieste. Non si dicono soddisfatti delle misure previste nel decreto Ristori e contestano i provvedimenti introdotti con Dpcm e ordinanze regionali per contrastare la seconda ondata del virus.
La protesta dei tassisti, iniziata lunedì sera, è proseguita per tutta la notte.
Alle auto bianche si sono aggiunte stamattina gli scuolabus, gli autobus turistici e gli Ncc. Sono centinaia i mezzi che occupano la piazza.

LEGGI ANCHE: Approvato il ‘decreto Ristori’: “Sei settimane di Cig Covid fino al 31 gennaio”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»