Magi: “Usare le mascherine e rispettare le regole, così Roma può evitare il lockdown”

Il presidente dell'Ordine dei Medici: "Se tutti noi per almeno 15 giorni non creiamo motivi di contagio i numeri dovrebbero tornare nella norma"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Lockdown a Milano e Napoli? Pur rispettando l’opinione degli esperti, penso sia prioritario far capire a tutti che le mascherine ci proteggono. Su questo non vi è alcun dubbio. Se facciamo finta di metterle, le mettiamo male o non le mettiamo, sicuramente qualche problema si verificherà”. Risponde così Antonio Magi, presidente dell’Ordine dei medici di Roma, interpellato dall’agenzia Dire sulle parole del consulente del ministro della Salute, Walter Ricciardi, secondo il quale sarebbe necessario un lockdown nelle città di Milano e Napoli.

LEGGI ANCHE: Ricciardi: “A Milano e Napoli il lockdown è necessario”

“Se tutti noi per almeno 15 giorni non creiamo motivi di contagio– prosegue Magi- usando i dispositivi di protezione individuale, evitando assembramenti e uscendo di casa solo se necessario, allora automaticamente i numeri dovrebbero tornare nella norma”. Secondo il presidente dell’Omceo Roma, l’aumento di queste ultime settimane ha origine dal periodo estivo, durante cui “si sono ‘mischiate le carte’ e si è stati imprudenti”. Ora in Italia servirebbero quindi delle “strutture intermedie dove isolare i positivi dai famigliari. Dovrebbero essere una sorta di filtro per allentare la pressione sulle strutture ospedaliere. A Roma e nel Lazio possiamo evitare situazioni simili a Milano e Napoli, solo se davvero tutti utilizzano i dispositivi di protezione individuale e rispettano le regole”, conclude Magi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»