Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Bonaccini: “Come evitare il lockdown? Avere solo contatti indispensabili”

stefano bonaccini
Le Regioni, ricorda il governatore dell'Emilia-Romagna, avevano chiesto chiudere i centri commerciali nel weekend "per evitare concentrazioni di persone"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Come si fa ad evitare un lockdown come quello deciso in Francia? “Bisogna augurarsi che queste regole”, le limitazioni già in campo nel nostro paese, “bastino”. Per questo, avverte il presidente dell’Emilia-Romagna e della conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini, “bisogna tutti darsi da fare, chi condivide e chi no, per rispettarle. C’è bisogno davvero che eliminiamo quelle occasioni di contatto che non sono indispensabili”. In diretta stamattina con Mattino 5, sulla rete Mediaset, Bonaccini è tornato sulle differenze di vedute riguardo al Dpcm di domenica: ad esempio, rivela, di didattica online alle scuole superiori “qui avremmo fatto volentieri almeno la metà, non di più, però poi è stato indicato almeno il 75%”.

“LE REGIONI AVEVANO CHIESTO DI CHIUDERE I CENTRI COMMERCIALI NEL WEEKEND”

Le Regioni avevano anche proposto ristoranti aperti fino alle 23 e “magari e bar fino alle 20”, ma centri commerciali chiusi il sabato e la domenica, almeno “l’extra-alimentare e l’extra-farmaceutico”, per evitare concentrazioni eccessive di persone. In ogni caso, sottolinea ancora il presidente dell’Emilia-Romagna, “adesso si tratta di augurarsi che queste misure servano davvero nelle prossime settimane perchè abbiamo bisogno di ridurre la curva dei contagi che corre veloce”.

A proposito invece degli indennizzi messi in campo a favore delle categorie costrette a limitare la loro attività con l’ultimo Dpcm Bonaccini annuncia: “come regione faremo qualcosa anche noi per venire incontro a coloro che sono tra i più colpiti”. Oltre ai pubblici esercizi, a palestre e piscine e ai luoghi della cultura Bonaccini cita tra le categorie su cui intervenire anche i locali da ballo, chiusi da tempo, “di cui non parla mai nessuno”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»