Bardi chiede “ritorno immediato” di Eni al tavolo della trattativa

Il presidente della Regione Basilicata: "La comunità lucana subisce l'onta del decreto Monti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – Il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, ha chiesto alla Presidenza del Consiglio dei ministri, al ministro dell’Economia e a quello del Lavoro un incontro immediato per discutere della vicenda Eni. Lo rende noto l’ufficio stampa della giunta regionale.

La richiesta “fa seguito agli appelli e alle dichiarazioni rese da più forze politiche”. “La comunità lucana che ho l’onore di rappresentare – ha dichiarato Bardi – subisce come un’onta insopportabile il decreto Monti che prevede che l’Eni anche in assenza del rinnovo della concessione possa continuare ad estrarre il petrolio dai giacimenti della Val d’Agri”.

Da qui la richiesta di un “ritorno immediato” di Eni al tavolo della trattativa e l’annuncio di portare la vicenda anche in seno alla Conferenza Stato-Regioni. “Credo che la dinamica dei rapporti tra il governo centrale e le Regioni, specialmente quelle meridionali, si debba chiarire proprio su vicende come questa” ha precisato Bardi, appellandosi anche all’intervento dei parlamentari lucani, “perché nulla è più importante dell’interesse delle nostre comunità”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»