Alleanze per le Regionali, Di Maio: “Esperimento fallito, basta col Pd. Ma il Governo va avanti”

Col voto in Umbria "il governo non c'entra, però dobbiamo dirci che il Movimento sia che stia al governo con la Lega o col Pd non ne trae giovamento: il Pd ci fa male come la Lega"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Per la prima volta nella storia abbiamo deciso di fare un’alleanza, un patto civico, col Pd. Questo esperimento non ha funzionato, in Umbria siamo a uno dei risultati più bassi, questo esperimento non è più praticabile”. Lo dice il capo politico del M5S Luigi Di Maio, intervistato da SkyTg24.

In vista delle regionali il M5s deve “azzerare un attimo le aspettative. Fare in modo di ritornare nello spirito originario” per cui “ci si presenta alle regionali non per vincere, ma per portare i cittadini nelle istituzioni”, dice Luigi Di Maio, riflettendo sul voto in Umbria. Questo significa che il M5s andra’ da solo in Emilia Romagna e in Calabria? “Domani ho un incontro con gli eletti dell’Emilia Romagna e con gli eletti della Calabria per definire il percorso. Ma la terza via il M5s la puo’ creare fuori dai due poli, non entrando in uno dei due poli”. Il patto civico in Umbria “e’ servito come esperimento. Non funziona. Il M5s va meglio quando va da solo“.

LEGGI ANCHE: Zingaretti detta le condizioni: “Alleanza volti pagina”

Il governo Conte sara’ l’ultimo governo della legislatura? “Io sto lavorando affinche’ questo governo porti a casa il programma nei prossimi tre anni, e poi si faccia valutare dagli italiani. Il voto arrivera’ e sara’ il momento in cui valutare se abbiamo fatto bene o male. Questo e’ il nostro obiettivo”, ha poi specificato Di Maio. Col voto in Umbria “il governo non c’entra, però dobbiamo dirci che il Movimento sia che stia al governo con la Lega o col Pd non ne trae giovamento: il Pd ci fa male come la Lega“. E aggiunge: “Al governo ci stiamo perché non abbiamo raggiunto il 51% dei risultati e continueremo ad andare avanti così”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

28 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»