Umbria, Renzi: “Accordo sbagliato. Mi attaccano? Con me il Pd governava 17 regioni su 21”

Per Renzi l'accordo sul candidato unico in Umbria è stato sbagliato "nei tempi e nei modi". Calenda lo attacca: "È senza vergogna"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Una sconfitta scritta figlia di un accordo sbagliato nei tempi e nei modi. Lo avevo detto, anche privatamente, a tutti i protagonisti. E non a caso Italia Viva è stata fuori dalla partita. In Umbria è stato un errore allearsi in fretta e furia, senza un’idea condivisa, tra Cinque Stelle e Pd. E non ho capito la ‘genialata’ di fare una foto di gruppo all’ultimo minuto portando il premier in campagna elettorale per le Regionali”. Lo ha detto Matteo Renzi a Bruno Vespa per il libro “Perche’ l’Italia divento’ fascista (e perche’ il fascismo non puo’ tornare)”.

In Umbria trionfo del centrodestra, per Tesei stacco di 20 punti. Salvini: “Conte a casa, è un omino. Governo di abusivi”

“Nello staff di Chigi evidentemente- ha aggiunto- c’è qualcuno che pensa che Conte possa fare i miracoli, intervenendo in campagna elettorale e cambiando i risultati: ignorano, questi signori, che i sondaggi sulla fiducia nei leader non si traducono mai in voti. La percentuale di gradimento ti dice quanto sei simpatico, non quanto sei votabile. E non sempre le due cose coincidono. Nella storia repubblicana leader con un altissimo livello di fiducia personale non sono riusciti a trasformarli in consensi elettorali. Perché è quella che si chiama ‘fiducia istituzionale’: gratifica l’ego, ma non indice alle elezioni”.

Zingaretti detta le condizioni: “Alleanza volti pagina”. Di Maio: “M5s meglio da solo”

“Con me il Pd governava 17 regioni su 20”

“Leggo sui giornali che qualcuno attribuisce la colpa a me persino della sconfitta in Umbria. Mi spiace che si possa arrivare a tanto. Questo odio nei miei confronti ha qualcosa di inspiegabile (guardate questo video di Paolo Mieli sul fuoco amico contro di me). La verità è che quando ho lasciato la guida del Pd governavamo 17 regioni su 21. Adesso il Pd governa in 7 regioni su 21. L’idea di dire che è sempre tutta colpa mia non mi sembra geniale. Ma se serve a qualcuno per mettersi il cuore in pace, non replico, evito le polemiche e invito tutti a lavorare”, scrive Renzi nella enews.

Conte e l’Umbria: “Voto non incide sul governo, si va avanti”

CALENDA: “SEI SENZA VERGOGNA”

Disse il promotore dell’accordo. Matteo Renzi #senzavergogna”. Lo scrive su twitter Carlo Calenda, commentando le parole di Matteo Renzi “una sconfitta scritta figlia di un accordo sbagliato nei tempi e nei modi”.

Umbria, Calenda a Zingaretti: “Situazione grave, se vuoi ne parliamo”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

28 Ottobre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»