Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Mafie, Borsellino: “Più solidarietà da Mattarella per i magistrati”

A Genova gli studenti incontrano il fratello di Paolo Borsellino
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

genova_mafie2GENOVA – “Mi aspetterei qualcosa di più concreto dal presidente Sergio Mattarella, per esempio parole di conforto e di incoraggiamento per i magistrati che oggi continuano la battaglia di Paolo, come Nino Di Matteo, che a Palermo è sottoposto a minacce di morte quotidiane e che purtroppo da parte delle istituzioni non riceve nessun messaggio di solidarietà”. Lo afferma Salvatore Borsellino, fratello del magistrato Paolo Borsellino e fondatore del movimento “Agende Rosse“, questa mattina a Genova per un incontro con 900 studenti di otto scuole metropolitane genovesi e tre alessandrine su legalità, sicurezza e giustizia. “Ho sollecitato le nostre istituzioni perché lancino messaggi di solidarietà nei confronti di Nino Di Matteo- prosegue il fratello del magistrato vittima della strage di via D’Amelio- ma ho ricevuto risposte soltanto dal presidente del Senato, Pietro Grasso, e da nessun altro”.

Da questi giovani vengo a prendere la speranza e vengo a prendere la forza per continuare la mia lotta per la verità e per la giustizia che, purtroppo, è una lotta senza fine, che farò fino all’ultimo giorno della mia vita”. Una lotta “per la giustizia e per quel fresco profumo di libertà di cui parlava Paolo, ma che non riuscì a sentire perché sacrificò la sua vita per questo Stato”. Il fratello del magistrato Paolo Borsellino vittima della strage mafiosa di via D’Amelio incontrando gli studenti questa mattina a Genova, al Teatro della Corte. “Ci sono stati lunghi anni, dopo il 1992, in cui ho smesso completamente di parlare perché avevo perso la speranza”, ammette Borsellino.

“Ho smesso di parlare a nome di mio fratello- spiega- che ha avuto speranza fino all’ultimo giorno della sua vita, proprio grazie ai giovani. Lo scrisse anche nella sua ultima lettera la mattina del 19 luglio (poco prima di essere assassinato, ndr). Io non sono Paolo, ci ho messo del tempo a capirlo e quando ho capito che cosa fosse la speranza di Paolo, ho ricominciato a parlare“. L’incontro di questa mattina è stato organizzato con il patrocinio del Comune e della Città metropolitana di Genova. “È molto importante che questo messaggio sia trasmesso e condiviso dai giovani- afferma il sindaco, Marco Doria– anche in Sicilia i momenti più forti di mobilitazione contro la criminalità organizzata sono stati momenti in cui i giovani sono stati colpiti da eventi tragici e si sono mossi per dire no alla mafia”.

Il primo cittadino ricorda però che “la legalità non è solo un problema di lotta alla mafia e alla criminalità organizzata, ma è il rispetto delle istituzioni, il rispetto delle regole a 360 gradi“. Per arginare la mafia, infatti, Doria spiega che amministrazioni e cittadini possono usare tre leve: “L’azione coordinata e intelligente delle forze di polizia, dei carabinieri e della magistratura; una grande cultura della legalità; l’azione per rimuovere tutte quelle condizioni sociali che favoriscono le azioni e la presenza della criminalità”. All’incontro prende parte anche Valeria Fazio, procuratore generale di Genova: “Bisogna insegnare ai ragazzi che il rispetto delle regole difende soprattutto chi non è forte, chi è più debole e serve a garantire l’uguaglianza delle opportunità fra di loro”, spiega Fazio. “La forza libera- conclude il procuratore generale- è la forza che premia solo i più forti, che possono essere forti per caso, perché prepotenti o perché favoriti dal destino. Quindi le regole difendono veramente uguaglianza e possibilità per tutti ragazzi“.

di Simone D’Ambrosio, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»