La rivoluzione dell’alternanza Scuola-Lavoro

di Anna Paola Sabatini, direttore dell’Ufficio scolastico regionale del Molise L’alternanza Scuola-Lavoro rappresenta uno degli aspetti più innovativi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

di Anna Paola Sabatini, direttore dell’Ufficio scolastico regionale del Molise

L’alternanza Scuola-Lavoro rappresenta uno degli aspetti più innovativi della riforma della “Buona Scuola”. Una vera e propria rivoluzione culturale che sta coinvolgendo l’intera comunità scolastica del Paese. Gli ultimi numeri diffusi dal Miur parlano chiaro: 652.641 studenti delle scuole secondarie di secondo grado hanno partecipato quest’anno al percorso di formazione, rispetto ai 273.000 dei 12 mesi precedenti, con una crescita del 139%. La legge 107 del 2015 stabilisce l’obbligo di 200 ore nell’ultimo triennio dei licei e 400 nell’ultimo triennio degli istituti tecnici e professionali per un investimento pari a 100 milioni di euro. Il Ministero dell’Istruzione ha fatto partire anche il progetto “I Campioni dell’Alternanza”, che coinvolgerà un gruppo di 16 organizzazioni, tra aziende, ordini professionali e terzo settore. Tra questi: Accenture, Bosch, Consiglio Nazionale Forense, COOP, Dallara, ENI, Fondo Ambiente Italiano, FCA, General Electric, HPE, IBM, Intesa Sanpaolo, Loccioni, McDonald’s, Poste Italiane e Zara. Sono 27 mila in totale le opportunità di alternanza scuola-lavoro messe a disposizione per gli studenti e che aumenteranno nel prossimo triennio. Il Ministro Stefania Giannini ha spiegato come i numeri riferiti al primo anno di attuazione dell’obbligo di alternanza siano incoraggianti con la partecipazione del 90% degli studenti previsti.

Un progetto che rappresenta un unicum in Europa. Le scuole che hanno aderito alternanza sono cresciute dal 54% al 96%. I percorsi di alternanza attivi sono passati da 11.585 a 29.437 (+154%). Le strutture ospitanti sono state 149.795 (+41%). Gli studenti hanno praticato i percorsi di alternanza soprattutto nelle imprese (36,1%), a scuola con l’impresa simulata o svolgendo attività interne, ad esempio nelle biblioteche (12,4%), nelle Pubbliche Amministrazioni (8,5%), nel settore No Profit (7,6%) e per la restante percentuale in studi professionali, ordini, associazioni di categoria. I settori rappresentati, invece, sono: servizi, digitale, automotive, alimentare, ristorazione, finanziario, distribuzione, logistica, abbigliamento, arte e cultura, giuridico, manifatturiero, energia. Sul sito dedicato all’alternanza sono presenti le schede di singoli progetti. Entro la fine dell’anno, inoltre, il Ministero dell’Istruzione ha annunciato la Carta dei Diritti e dei Doveri degli Studenti in alternanza, mentre nelle prossime settimane sarà attivata la Cabina di Regia MIUR-Lavoro, per un maggiore coordinamento sui temi dell’alternanza e dell’apprendistato. A disposizione delle scuole c’è poi il Registro Nazionale dell’Alternanza Scuola-Lavoro. Infine, uno specifico capitolo del Piano Nazionale di Formazione Docenti è dedicato proprio all’alternanza con circa sei milioni per la formazione in tutte le scuole superiori (2.741) e il coinvolgimento di 35.000 tra dirigenti scolastici e docenti. Ora le aziende hanno anche a disposizione incentivi economici per assumere studenti che hanno effettuato percorsi di alternanza scuola-lavoro e sono già 40 i protocolli nazionali stipulati dal Miur e 70 le partnership a livello locale. Insomma, se non è una rivoluzione questa.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»