Carni rosse, parla il macellaio: “Dopo l’allarme dell’Oms la gente cerca carne di qualità”

Dario Cecchini, macellaio e titolare di uno storico
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

carne rossaDario Cecchini, macellaio e titolare di uno storico negozio di carni a Firenze, e’ intervenuto ai microfoni della trasmissione ‘Ho scelto Cusano’ condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia, su Radio Cusano Campus, emittente dell’universita’ Niccolo’ Cusano (www.unicusano.it), in merito all’allarme lanciato dall’Oms sul consumo delle carni rosse. “Quando ci sono allarmi di questo tipo sulla carne la gente si rivolge alla qualita’– ha affermato Cecchini- Gli artigiani italiani sono sempre stati le sentinelle della qualita’ in tutti i campi. Non a caso nel Rinascimento c’erano le botteghe delle arti e dei mestieri, dove si formavano gli artisti.

L’industria ha un suo compito, ma l’artigiano e’ completamente differente. Il prodotto non nasce da se’, e’ l’umano l’artefice di un buon prodotto. Io la carne rossa la mangio tutti i giorni e provo un grande godimento. Gia’ la vita di per se’ e’ una condanna a morte, quindi teniamoci il godimento della vita. E’ chiaro che come in tutte le cose ci vuole buon senso e qualita’. La cosa riguarda poco l’Italia, a parte qualche prodotto industriale scadente, sicuramente non riguarda gli artigiani. Tutti i momenti di crisi sono anche momenti di opportunita’, come dicevano i greci”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»