Your monthly usage limit has been reached. Please upgrade your Subscription Plan.

Italia
°C

Giubileo, con l’arrivo di milioni di pellegrini aumenta diffusione dell’influenza. I medici di base consigliano: “Vaccinatevi subito”

Al momento, pero', ci sono Asl che non hanno ancora distribuito i vaccini e altre che hanno dislocato in uffici diversi quello per l'influenza e quello pneumococcico coniugato, creando un disagio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

vacciniROMA – “L’arrivo di milioni di pellegrini, alcuni provenienti da Paesi dove le vaccinazioni sono quasi inesistenti, puo’ aumentare a Roma la diffusione dell’influenza o di altre malattie. Per questo vaccinarsi diventa fondamentale”. A dirlo all’agenzia Dire Maria Corongiu, il segretario regionale della Fimmg, la Federazione italiana Medici di Medicina generale.

La campagna antinfluenzale della Regione Lazio e’ partita il 15 ottobre e terminera’ il 31 dicembre. Sono circa 1.035.000 le dosi di vaccino a disposizione di medici, pediatri e Asl. “Al momento, pero’, ci sono Asl che non hanno ancora distribuito i vaccini e altre che hanno dislocato in uffici diversi quello per l’influenza e quello pneumococcico coniugato, creando un disagio- ha spiegato Corongiu- Negli studi medici finora si sono presentate le persone abituate a vaccinarsi ogni anno, ma e’ importante che lo facciano tutti senza timori”.

(La notizia prosegue nel notiziario DIRE in abbonamento)

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»