E’ la ludopatia a fare da rovina famiglie: sempre più separazioni per colpa del ‘gioco malato’

Chi gioca tende a nascondere il proprio vizio e solo quando i danni economici diventano evidenti il partner si rende conto del problema di dipendenza che vive l'altro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

slot machineROMA – A fare da rovina famiglie, non sempre e’ l’amante di lui o di lei: ad oggi c’e’ un nuovo fenomeno che sta letteralmente piegando alcune famiglie romane, la ludopatia. Allo Sportello famiglia dell’associazione Avvocato del Cittadino, nell’ultimo mese, sono gia’ due i casi di mogli che si sono rivolte all’ente per chiedere aiuto e consulenza su come affrontare una separazione “per colpa” del gioco malato, di quel vizio malefico che porta (in questi casi i mariti) a spendere risparmi e stipendi nelle slot, nei gratta e vinci e nei giochi on line.

Le famiglie colpite dalla ludopatia sono sia quelle in difficolta’ economica che quelle benestanti: “il fenomeno e’ trasversale e purtroppo non risparmia ne’ le coppie giovani ne’ quelle piu’ anziane. Chi gioca tende a nascondere il proprio vizio e solo quando i danni economici diventano evidenti il partner si rende conto del problema di dipendenza che vive l’altro”, spiega Emanuela Astolfi, presidente dell’associazione.

Quella della separazione, a volte, vuol essere una semplice minaccia da manifestare al partner, nella speranza che questi si convinca a farsi aiutare e assistere da strutture specializzate. Il primo passo, infatti, e’ quello di riconoscere il problema, di parlarne ed affrontarlo insieme alla propria famiglia e con i professionisti del settore.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»