Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

La Potenza del Segno, dal 30 settembre a Benevento la grande mostra antologica di Tanino Liberatore

tanino liberatore-min
Un'esposizione a 360° che passa dal suo personaggio più noto Ranxerox e arriva fino a Lucy, l'ultimo grande fumetto, entrambi editi in Italia da Comicon Edizioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Apre il 30 settembre alle 12:30 con la presenza dell’autore, alla Rocca dei Rettori di Benevento, la grande mostra antologica Tanino Liberatore. La Potenza del Segno nell’ambito del programma “Comicon Extra”, realizzato grazie al sostegno della Regione Campania (direzione generale per le Politiche culturali). La personale di Liberatore si svolge grazie al supporto della Provincia di Benevento e della partecipata Sannio Europa, società che gestisce e promuove la rete museale provinciale.
Il “Michelangelo del Fumetto” torna in Campania per il vernissage della mostra che ripercorre la sua vasta opera.

Un’esposizione a 360° che passa dal suo personaggio più noto, Ranxerox, creato con Stefano Tamburini negli anni ’80, fino a Lucy, l’ultimo grande fumetto, entrambi editi in Italia da Comicon Edizioni.
Le opere di Liberatore partono da una prima traccia grezza, spesso a matita, per poi creare forme che sprigionano un’energia primordiale: i muscoli archetipici degli uomini, le morbide inquietudini delle donne, il corpo di lattice e metallo dell’androide Ranxerox, le pieghe dei costumi e degli abiti. Che crei copertine di dischi, concept e scenografie per film, quadri su tela, illustrazioni o fumetti, quella di Liberatore è una maniera: la maniera di un “Michelangelo post-moderno”.

Il percorso espositivo è composto da oltre 80 opere (tavole originali, schizzi, illustrazioni ad olio e acquerello), non mancherà inoltre una grande riproduzione del “coatto sintetico” Ranxerox. Per l’occasione saranno visibili anche alcune inedite illustrazioni realizzate in questi anni da Liberatore, una sezione con soggetti supereroistici rivisitati e ancora altre con soggetti femminili che il segno di Liberatore rende sensuali e inquietanti.

Comicon Extra, di cui ‘Tanino Liberatore. La Potenza del Segno a Benevento’ fa parte, è un progetto di promozione della cultura del fumetto su tutto il territorio campano, ideato nel 2020 come alternativa al Festival internazionale Comicon durante l’emergenza covid-19 e realizzato grazie al contributo della Regione Campania.

Tra le diverse attività online e dal vivo, per l’edizione 2021 è previsto un vasto programma di mostre, fra le quali: Megaevvivashonen Show. Sio e il nuovo fumetto umoristico italiano in programma ad Avellino a dicembre 2021; Davide Toffolo. Morti Vivi in programma a Napoli a dicembre 2021 e Fletto i muscoli e galleggio nel vuoto.

La Provincia di Benevento e la Sannio Europa, nell’ambito della promozione della rete museale, hanno previsto uno sconto sui biglietti per l’accesso ai propri siti museali per coloro che visiteranno la mostra di Liberatore.

INFO E COSTO DEL BIGLIETTO

Biglietto intero: 5,00 euro; gratuito per under 18, over 65 e possessori di abbonamento Comicon 2020; gruppi (solo su prenotazione): 2 omaggi ogni 10 paganti. Acquisto online go2.it

Con l’acquisto del biglietto per la mostra di Tanino Liberatore si avrà diritto all’ingresso ridotto presso i siti della rete museale della Provincia di Benevento.

Orari: 9:00 – 13:00 / 16:00 – 19:00. Lunedì chiuso Informazioni: [email protected] 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»