Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Violenze psicologiche al marito, 62enne arrestata a Catanzaro

screenshot-spot-tim-carabinieri
La moglie non permetteva alla vittima di dormire nel letto ma lo obbligava a riposare sul divano e nelle giornate di caldo torrido gli aveva impedito l'uso del climatizzatore
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – Una donna di 62 anni è stata arrestata dai carabinieri in esecuzione di un’ordinanza del gip del Tribunale di Catanzaro per via dei maltrattamenti al marito. Il fatto si è verificato a Bellamena, frazione del capoluogo. Diversi mesi fa, riporta una nota dell’Arma, un uomo si è presentato dai carabinieri denunciando le continue vessazioni cui era sottoposto, ormai da anni, da parte della moglie. Offese e minacce continue, a volte anche violenze psicologiche ma soprattutto vessazioni costanti della donna nei confronti del marito.

La moglie non permetteva alla vittima di dormire nel letto ma lo obbligava a riposare sul divano, nella scorsa estate anche nelle giornate di caldo torrido gli aveva impedito l’uso del climatizzatore. L’uomo, esasperato, è stato costretto a lasciare casa e a denunciare i fatti ai carabinieri. Gli accertamenti esperiti dai militari hanno evidenziato le condotte della donna qualificabili in veri e propri maltrattamenti in famiglia e hanno consentito all’autorità giudiziaria di emettere un primo provvedimento cautelare.

La Procura di Catanzaro, condividendo l’operato degli investigatori, aveva ottenuto la misura del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dal marito a cui la donna era stata sottoposta con la prescrizione di lasciare l’abitazione coniugale affinché quest’ultimo potesse rientrarvi in serenità. La 62enne, però, si è rifiutata non solo di andar via dall’abitazione, ma anche di farvi rientrare il marito. Costatatone l’atteggiamento ostile e perseverante, i carabinieri hanno richiesto e ottenuto dall’autorità giudiziaria un aggravamento della misura e, pertanto, la donna è stata tratta in arresto e sottoposta agli arresti domiciliari in un’altra abitazione.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»