Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Prende il Covid da neonata e rischia la vita, ora ha un cuore nuovo

medici_chirurgia
Il cuore della piccola si era gravemente ammalato in seguito all'infezione da Covid che aveva contratto in febbraio quando aveva 4 mesi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Il suo piccolo cuoricino era stato messo ko in conseguenza del Covid, di cui si era ammalata quando aveva appena quattro mesi di vita, nello scorso febbraio. Ora, dopo essere sopravvissuta per diversi mesi grazie a un cuore artificiale, si è salvata grazie ad un trapianto di cuore. L’operazione è stata eseguita all’ospedale Monaldi di Napoli dall’Unità operativa complessa di Cardiochirurgia pediatrica, diretta da Guido Oppido.

LEGGI ANCHE: Covid, impennata di casi tra i bambini negli Usa: 94mila nella prima settimana di agosto

DA MARZO ERA IN VITA GRAZIE A UN CUORE ARTIFICIALE


I fatti sono ricostruiti in una nota dell’ospedale Monaldi. La bimba si era ammalata di coronavirus in febbraio e subito dopo aveva sviluppato una grave forma di miocardiopatia dilatativa “insorta probabilmente a seguito della infezione da Covid”, spiegano i sanitari. Era stata subito ricoverata e poi, nel mese di marzo, quando aveva solo cinque mesi, era arrivato il cuore artificiale. La grave insufficienza cardiaca, infatti, non sembrava migliorare e così alla piccola era stato impiantato un Berlin Heart, che funge da pompa esterna al corpo e riceve sangue attraverso una cannula inserita nel ventricolo sinistro immettendolo nella circolazione sanguigna. È stato proprio questo dispositivo che ha permesso alla bimba di sopravvivere da marzo a oggi in attesa del trapianto, avvenuto grazie a una provvidenziale donazione.

A BREVE IL RITORNO A CASA

Il trapianto è andato a buon fine e ha avuto un decorso operatorio e post operatorio regolare. La bambina, infatti, nei giorni scorsi è stata trasferita nel reparto di degenza ordinaria e, a breve, sarà possibile dimetterla per consentire il suo rientro a casa.

LEGGI ANCHE: Il Sant’Orsola di Bologna apre una nuova frontiera medica con il trapianto di microbiota

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»