Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Scuola, un Tavolo di Lavoro sulla cittadinanza digitale con le tech company

lavoro computer pixabay
L'iniziativa della sottosegretaria del ministero dell'istruzione, Barbara Floridia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La sottosegretaria del ministero dell’istruzione Barbara Floridia ha annunciato l’istituzione di un Tavolo di Lavoro sulla Cittadinanza Digitale – materia per la quale è stata delegata dal ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi – e la proposta di una Giornata nazionale della Cittadinanza digitale. Al Tavolo di lavoro al ministero dell’Istruzione, che partirà a ottobre, parteciperanno per la prima volta gli esponenti dei principali social network mondiali, app, siti, dispositivi digitali, imprese e associazioni che si occupano di digitale. Nel progetto sono stati coinvolti anche il ministero delle Politiche Giovanili e altre realtà che operano nel digitale.

La digitalizzazione delle scuole, alla quale abbiamo lavorato e stiamo lavorando con importanti risorse economiche per dotare le istituzioni scolastiche di dispositivi e connessioni, deve andare di pari passo con l’educazione al digitale– spiega Barbara Floridia- quella Cittadinanza digitale che, all’interno dell’Educazione civica, abbiamo introdotto nello scorso anno scolastico e che oggi deve compiere un salto di qualità, così come è stato per l’educazione ambientale, che con il Piano RiGenerazione Scuola sta diventando sistemica”.

Il Tavolo di lavoro ha l’obiettivo di formare studenti e personale scolastico al digitale e di istituire la Giornata Nazionale sulla Cittadinanza Digitale, volta a sensibilizzare e informare l’intero Paese, al di fuori della scuola. “Promuovere iniziative di cittadinanza digitale vuol dire ampliare la partecipazione delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi alla vita democratica del Paese“, dichiara il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi.

Offriremo alle scuole tre webinar all’anno– aggiunge la sottosegretaria Floridia- dove esperti di digitale terranno delle lezioni in streaming alle quali i docenti potranno far partecipare le classi. Questi webinar rientreranno nel monte orario di educazione civica che ogni scuola deve fare.

I partner dell’iniziativa finora coinvolti al Tavolo di lavoro del ministero dell’Istruzione e del ministero delle Politiche Giovanili sono: Treccani, Rai, Polizia Postale, Facebook Italia, Google Italia, Tik Tok, LinkedIn Italia, Telefono Azzurro, Skuola.net, Movimento Etico Digitale, Talk in Pills, Fondazione Mondo Digitale, Weschool e altre realtà che si aggiungeranno nelle prossime settimane.

“Ho voluto coinvolgere a titolo gratuito le tech company e gli altri partner, che ringrazio, perché ritengo che nessuno, meglio di chi ha progettato certi siti e dispositivi, di chi si occupa di digitale e comunicazione, ne conosca le opportunità e i rischi- commenta la sottosegretaria all’Istruzione- Sappiamo infatti che Internet richiede un uso consapevole da parte degli utenti, soprattutto dei più giovani. Da una parte abbiamo le meraviglie e le opportunità dell’innovazione, dall’altra abbiamo dei problemi di cui tener conto seriamente come la dipendenza dai social, il cyberbullismo, gli adescamenti, le truffe e molto altro. Per insegnare ai ragazzi come proteggersi durante le ore passate online sarà centrale il ruolo della Polizia Postale, unito a quello delle stesse aziende sviluppatrici e realtà che da anni coinvolgono i giovani in percorsi formativi sul digitale”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»