Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Topolino diventa TopoPrincipe, in edicola la parodia a fumetti de Il piccolo principe

TopoPrincipe_DisneyLibriGiunti_Cover
Prologo e graphic novel, in edicola a dodici euro dal 29 settembre
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Giunti e Disney portano in edicola ‘TopoPrincipe’, la parodia a fumetti del capolavoro di Antoine de Saint-Exupéry ‘Il Piccolo Principe’ (pubblicato in Europa, per la prima volta, 75 anni fa). .

Il ‘TopoPrincipe’ è “un volume poetico ed emozionante, un volo sospeso tra sogno e fantasia che unisce le generazioni nella lettura di un grande classico. Un libro che, idealmente, stringe il lettore in un grande abbraccio alla scoperta della bellezza, un abbraccio di quelli che tanto ci sono mancati in questi ultimi tempi- dicono gli editori in un comunicato di presentazione-. È frutto di un lavoro corale della redazione Giunti-Disney Libri e di un terzetto creativo che ha già contribuito al successo di PaperDante: Augusto Macchetto, autore dei testi, Giada Perissinotto e Andrea Cagol, artefici rispettivamente dei disegni e della coloritura delle atmosfere e delle illustrazioni“.

“Ci sono storie che camminano da sole, con un passo lungo, in tutto il mondo e nell’immortalità: tutti le conoscono e tutti le amano. Fra queste storie, Il Piccolo Principe è quella che forse è destinata ad andare più lontano. Perché più che camminare, vola – spiega Veronica Di Lisio, Direttore divisione Disney Libri per Giunti-. La nostra parodia nasce nel solco della tradizione Disney delle grandi parodie letterarie, ma ne abbiamo fatto un’opera originale dove entra anche il presente, che proprio perché è qui sotto i nostri occhi, a volte ci sembra difficile da leggere e da raccontare, specie ai bambini. Questo TopoPrincipe mantiene la grande poesia dell’opera cui si ispira e, grazie ai personaggi disneyani, offre una prospettiva inedita sul tempo e sul mondo che viviamo. Tanti spunti per riflettere e sorride re, per farci trasportare in un viaggio che ha come destinazione la speranza e si compie nel tempo e nello spazio dell’infinito, in grado di farsi amare da tutte le generazioni, dagli appassionati di fumetto ma anche da chi si accosta per la prima volta a quest’arte.”

Accanto a TopoPrincipe, interpretato da un fanciullesco Topolino, troviamo Pippo, il quale ricopre un ruolo centrale nel prologo e nel fumetto. Si tratta di una sorta di omaggio per il servizio che onora da 90 anni, (compleanno che festeggerà all’inizio del 2022), all’interno del mondo Disney, rendendo più scanzonate e leggere le storie in cui recita.

Il TopoPrincipe si apre con un breve racconto illustrato che accompagna il lettore alla successiva graphic novel. Un bambino ha un grande dono: sa inventare storie e giocare con la fantasia attraverso il racconto. Sono avventure di tutti i tipi, che aprono infiniti mondi da vivere, “le storie gli scappavano come le risate”, in grado persino “di aprire le orecchie e riconoscere il rumore dei sapori”. I personaggi Disney, da Ciccio a Zio Paperone, fino a Pippo, solleticano la sua fantasia e lo portano a sognare. È un bambino che rappresenta l’essenza dell’infanzia innocente, quella che sa sorprendersi sempre per le piccole cose, caratteristica che TopoPrincipe rimprovera agli adulti di avere perso. “Nel bambino contastorie – dice Di Lisio – riconosciamo quella scintilla del talento che lo unisce al piccolo PaperDante, che tanto ama la scrittura. In entrambi i casi, come scelta editoriale precisa, affidiamo ai bambini i racconti illustrati che precedono le parodie, perché ci pare irresistibile fotografare il momento, l’attimo prima in cui tutto si è rivelato e prefigurato. Nella mente in divenire del bambino c’è l’apertura alla meraviglia, alla sorpresa, alla scoperta che, se coltivata e incoraggiata, poi può trasformarsi in prodigio. O, semplicemente assecondata, conduce alla felicità.”

LA STORIA A FUMETTI

Non solo Pippo e Topolino sono protagonisti della parodia a fumetti di 50 tavole, dallo stile innovativo, caratterizzato da colori acquerellati E disegni eterei; con loro tanti altri personaggi della Banda Disney, che accompagnano il lettore all’interno del poetico mondo del TopoPrincipe.

L’aviatore Pippo precipita con il suo velivolo nel deserto. Poco dopo incontra un personaggio speciale, TopoPrincipe, che gli spiega di arrivare da molto, molto lontano. Inizia così un viaggio, o meglio, un volo, attraverso “altri posti e altri tempi”. Eccoli giungere sul pianeta delle carezze, dove Paperetta Yé-Yé, intenta a trascorrere le sue giornate in compagnia del cellulare, riscopre la bellezza delle carezze e del contatto umano. Segue poi Zio Paperone, che vive su un piccolo pianeta contando soldi per riprovare, grazie al punto di vista di TopoPrincipe, quanto sia più divertente dare alle banconote un “valore più leggero”, anziché vivere per contarne la quantità posseduta, perché alla fine “chi conta, non conta!”. E Paperina che vive sul pianeta dei “mipiaci” scoprirà, una volta aperti gli occhi sull’orizzonte, la bellezza dei tramonti insieme alla volpe. E ancora Pluto, che spunta quando Topolino getta i semi di Baubab nei momenti in cui è necessario seminare la gioia per stemperare le tensioni.

Pippo aviatore e TopoPrincipe incontreranno tanti personaggi nel corso del loro fantastico volo e alla fine si renderanno conto che veniamo al mondo per vivere in relazione con gli altri, assaporare la bellezza degli incontri, dello stringere mani e seminare sorrisi e abbracci.


Il TopoPrincipe sarà in vendita dal 29 settembre a dodici euro.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»