VIDEO | A 77 anni dalle quattro giornate di Napoli, de Magistris: “Prima a liberarsi dal nazifascismo”

"Rispetto al Covid è una liberazione diversa. Questa è una pandemia sanitaria, che non deve peroò provocare una pandemia delle libertà"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

di Flavio Russo

NAPOLI – “27-30 settembre 1943: Napoli e’ stata la prima citta’ d’Europa a liberarsi con una rivolta di popolo dall’occupazione nazifascista – ricorda questa mattina il sindaco Luigi de Magistris, in occasione celebrazione del 77esimo anniversario delle 4 giornate di Napoli, episodio cardine della Resistenza partenopea -. Da oggi – aggiunge il sindaco – ricordiamo in maniera ancora piu’ forte il ponte della Sanita’, Maddalena Cerasuolo, Gennarino Capuozzo, donne e bambini, a rammentarci che nelle nostre radici ci sono i valori dell’antifascismo, della liberta’, dell’uguaglianza e della giustizia, per lottare per i diritti ora e nel futuro. Napoli – conclude de Magistris – sempre antifascista”.

CORONAVIRUS, DE MAGISTRIS: “NON PROVOCHI PANDEMIA DELLE LIBERTÀ”


Parla di Resistenza e Covid il sindaco di Napoli Luigi de Magistris in occasione delle celebrazioni per ricordare le 4 giornate, che 77 anni fa portarono alla cacciata degli invasori nazisti dal capoluogo campano: “Rispetto al Covid e’ una liberazione diversa. Questa e’ una pandemia sanitaria, che non deve pero’ provocare una pandemia delle liberta’. Bisogna provare a far convivere diritti diversi – prosegue il sindaco -, il primo in assoluto oggi e’ il diritto alla salute, ma non dimentichiamo gli altri diritti”. “Ecco perche’ anche Napoli – rimarca de Magistris – di questi tempi ha tentato di sottolineare quest’aspetto: non bisogna approfittare della pandemia per restringere le liberta’”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

28 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»