VIDEO | A 77 anni dalle quattro giornate di Napoli, de Magistris: “Prima a liberarsi dal nazifascismo”

"Rispetto al Covid è una liberazione diversa. Questa è una pandemia sanitaria, che non deve peroò provocare una pandemia delle libertà"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

https://youtu.be/1Flwn0QZnnc

di Flavio Russo

NAPOLI – “27-30 settembre 1943: Napoli e’ stata la prima citta’ d’Europa a liberarsi con una rivolta di popolo dall’occupazione nazifascista – ricorda questa mattina il sindaco Luigi de Magistris, in occasione celebrazione del 77esimo anniversario delle 4 giornate di Napoli, episodio cardine della Resistenza partenopea -. Da oggi – aggiunge il sindaco – ricordiamo in maniera ancora piu’ forte il ponte della Sanita’, Maddalena Cerasuolo, Gennarino Capuozzo, donne e bambini, a rammentarci che nelle nostre radici ci sono i valori dell’antifascismo, della liberta’, dell’uguaglianza e della giustizia, per lottare per i diritti ora e nel futuro. Napoli – conclude de Magistris – sempre antifascista”.

CORONAVIRUS, DE MAGISTRIS: “NON PROVOCHI PANDEMIA DELLE LIBERTÀ”


Parla di Resistenza e Covid il sindaco di Napoli Luigi de Magistris in occasione delle celebrazioni per ricordare le 4 giornate, che 77 anni fa portarono alla cacciata degli invasori nazisti dal capoluogo campano: “Rispetto al Covid e’ una liberazione diversa. Questa e’ una pandemia sanitaria, che non deve pero’ provocare una pandemia delle liberta’. Bisogna provare a far convivere diritti diversi – prosegue il sindaco -, il primo in assoluto oggi e’ il diritto alla salute, ma non dimentichiamo gli altri diritti”. “Ecco perche’ anche Napoli – rimarca de Magistris – di questi tempi ha tentato di sottolineare quest’aspetto: non bisogna approfittare della pandemia per restringere le liberta’”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»