Nardella: “Maxi multe a Firenze? Non abbassiamo la guardia sul Coronavirus”

Venerdì notte davanti ad un locale di via de' Pepi sono stati sanzionati quattro giovani per aver violato le misure anti contagio con una maxi multa da 400 euro l'uno
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – “Non dobbiamo abbassare la guardia, questi mesi saranno decisivi. Con il freddo si rischia confusione tra influenza e covid”, per questo “le regole vanno rispettate in tutti i modi”. Lo spiega il sindaco di Firenze Dario Nardella, che, ad Agora’, su Rai 3, si sofferma sull’assembramento di venerdi’ notte davanti ad un locale di via de’ Pepi e le maxi multe da 400 euro l’una con cui sono stati sanzionati quattro giovani per aver violato le misure anti contagio. 

“Siamo stati accusati di essere troppo severi” ma “e’ in gioco la salute delle persone e ci sono delle regole chiare che vanno rispettate”. Certo, continua, “non si deve avere un atteggiamento punitivo“, infatti, “in piu’ occasioni le forze dell’ordine e la polizia municipale informano, avvisano. Poi capita che a questo si resiste addirittura in modo provocatorio: a qual punto la sanzione ci sta, anche se alta”. Nardella pero’ di questa vicenda vede anche il lato positivo: “Ora che se parla in tutta la citta’ almeno tra i giovani se ne discute, c’e’ piu’ cautela e attenzione“. 

Sul problema degli assembramenti da movida, Nardella ricorda le misure intraprese soprattutto nell’area di Santo Spirito. Tuttavia, avverte: “Interveniamo come possiamo” ma “poi e’ fondamentale il supporto delle forze dell’ordine. Perche’ firmare ordinanze e’ la prima cosa, ma poi vanno fatte rispettare”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»