fbpx

Tg Agricoltura, edizione del 28 settembre 2019

E’ online l’edizione settimanale del Tg Agricoltura del Lazio:

– PANE E BISCOTTI, LA TRADIZIONE DA FORNO DI CORI

Cori, cittàdina a 55km a sud di Roma, è nota per la sua lunga storia e per la ricca tradizione gastronomica in cui pane e i biscotti sono protagonisti indiscussi. Sono molti i panifici di questa zona che si tramandano le ricette da generazione a generazione. Come quello che Angela Pistilli guida con successo da oltre 11 anni, dopo averlo ereditato dalla famiglia e convertito a laboratorio artigianale, che ha oggi tre punti vendita tra Cori e Cisterna Latina ed offre ai suoi clienti una vasta gamma di prodotti da forno e gastronomia.

– LA LENTICCHIA UNICA DELL’ALTOPIANO DI RASCINO

Tra i Monti del Cicolano, in un altopiano a circa 1200 metri d’altezza, cresce la lenticchia di Rascino, legume da secoli legato alla popolazione di quest’area isolata e incontaminata, dedita principalmente alla pastorizia. Qui le famiglie si sono tramandate i semi per una produzione più che altro domestica ma oggi, i terreni per la coltivazione di questo prodotto tipico, si sono moltiplicati. E le tecniche di coltivazione rimangono le stesse.

– CESANESE E PASSERINA, ‘L’AVVENTURA’ TRA LE STRADE DEL VINO DI PIGLIO

Neanche 5 anni fa la scelta di acquisire un terreno di 3 ettari e mezzo nella strada del vino del frusinate, a Piglio, con l’idea di creare un’impresa fondata su principi di sostenibilità che avesse anche un ruolo sociale nella comunità del territorio. Cosi è cominciata la storia de ‘L’Avventura’ di Stefano Maturro e Gabriella Grassi, oggi azienda agricola e agriturismo che con circa 20 ettari di terreno convertiti ad agricoltura biologica e organico-rigenerativa, produce principalmente vini docg e igt, alcuni dei quali hanno ricevuto riconoscimenti nazionali e internazionali.

– ARSIAL OSPITA UN INCONTRO SUI BANDI DEL PSR

Arsial ha ospitato nella sua sede di Roma il secondo di 5 incontri tecnici, rivolti ai produttori agricoli del Lazio e organizzati in ogni provincia, per spiegare i bandi di filiera del Psr, che offrono risorse per mettere insieme produttori e trasformatori. “Parliamo di oltre 30 milioni di euro, ha spiegato Rosati, soldi che vengono dall’Europa che guarda allo sviluppo e al lavoro.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

28 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»