Privatizzazioni, Bernaudo: “Orfini contrario? Nessuna novità”

In questo Paese, dice il leader di Sos Partita Iva, "servirebbe coraggio, ma se ne vede poco"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
A. Bernaudo – Foto d’archivio

ROMA – “Secondo il presidente del Pd, l’ineffabile Matteo Orfini, ‘il centrosinistra in questo Paese ha privatizzato troppo, e alcune privatizzazioni sono state un errore’. Ha addirittura aggiunto che ‘andare avanti con l’idea di privatizzare interi pezzi dell’industria pubblica, parzialmente o totalmente, per ridurre debito pubblico e’ una sciocchezza: si rinuncia ad asset e dividendi importanti per una entrata una tantum, una goccia nel mare del debito pubblico italiano'”. Lo dice il leader di SOS partita IVA, Andrea Bernaudo, che commenta così l’intervento del presidente del PD Matteo Orfini a Torino nel corso della festa della FIOM.

“Ora- continua Bernaudo, presidente di SOS partita IVA- le parole del presidente del PD non sorprendono, se non per l’onestà intellettuale mostrata da Orfini, ha parlato col cuore ed il suo cuore vuole più stato e meno mercato. Dovrebbero invece far riflettere i sedicenti liberali- continua Bernaudo- che vorrebbero affiancare nuove sigle politiche alla sinistra o peggio confluire nel PD. Noi sappiamo bene- conclude- che chi si professa liberale ha molti nemici, ma di sicuro non può fare da fiore all’occhiello al PD, perché più di tutti gli altri partiti ha fondato, con indubbio successo purtroppo, nell’invadenza dello stato e della politica nell’economia italiana la propria ragion d’essere da cinquant’anni ed i risultati sono sotto gli occhi di tutti. Servirebbe allora più coraggio ed una svolta radicale nella politica economica di questo paese, ma purtroppo di coraggio se ne vede poco, soprattutto tra i paladini (a chiacchiere) del libero mercato che guardano a sinistra”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»