Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Marò, Gentiloni: “Latorre resta in Italia”

La Corte suprema indiana ha deciso oggi in coerenza con la decisione del Tribunale internazionale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
P. Gentiloni
P. Gentiloni

ROMA – “Latorre resta in Italia. Corte suprema indiana ha deciso oggi in coerenza con la decisione del Tribunale internazionale”. Cosi’ il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni su twitter.

FARNESINA: LATORRE IN ITALIA FINO TERMINE PROCEDIMENTO ARBITRALE

Il Fuciliere di Marina Massimiliano Latorre restera’ in Italia. La Farnesina accoglie “con soddisfazione la decisione odierna della Corte Suprema indiana che ha esteso a Latorre, come richiesto dall’Italia, il diritto a restare in patria fino alla conclusione del procedimento arbitrale”.

L’India, spiega la Farnesina, “ha cosi’ applicato anche a Latorre la decisione resa il 29 aprile scorso dal Tribunale arbitrale istituito a L’Aja, che si era espresso in tale senso con riferimento al Fuciliere di Marina Salvatore Girone.

Si tratta di un passaggio importante che riconosce l’impegno intrapreso dal Governo italiano con il ricorso all’arbitrato internazionale per fare valere le ragioni dei nostri due Fucilieri di Marina. Con identico impegno l’Italia affrontera’ i prossimi passaggi del procedimento arbitrale, che entra ora nel merito del caso della Enrica Lexie“.

 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»