Pil, Renzi: “Austerity un errore, sbloccati 18 miliardi per infrastrutture”

Il presidente del consiglio intervenendo alla presentazione del piano industriale di Ferrovie
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

matteo-renzi

ROMA – “In Italia si e’ pensato che assecondare gli obiettivi di austerity comportasse una riduzione degli investimenti. E’ stato un tragico errore di cui paghiamo il conto ora”. A dirlo e’ il presidente del consiglio Matteo Renzi intervenendo alla presentazione del piano industriale di Ferrovie.

Renzi spiega di non incolpare i governi precedenti. “Messi di fronte al bivio se tirare la coperta di qua o di la’, veniva naturale mantenere gli asili nido e rimandare i lavori per i marciapiedi. E’ stato un errore: ma e’ stato un errore l’austerity, non la nostra scelta”.La conseguenza e’ stata che in un biennio “si sono dimezzati gli investimenti da 40 a 20 miliardi. E’ ovvio che ci sia poi un calo del Pil“. Per questo, ha rivendicato Renzi, “abbiamo sbloccato 18 miliardi per le infrastrutture”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»