Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Alle Paralimpiadi sono arrivati gli atleti dell’Afghanistan

I due erano stati costretti a fuggire dal Paese e a essere condotti in un luogo sicuro dopo la presa del potere da parte dei talebani
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TOKYO – Gli atleti dell’Afghanistan Zakia Khudadadi e Hossain Rasouli sono arrivati nella tarda serata giapponese al Villaggio dei Giochi Paralimpici di Tokyo 2020. I due erano stati costretti a fuggire dal Paese e a essere condotti in un luogo sicuro dopo la presa del potere da parte dei talebani, che aveva impedito loro di partire per il Giappone.

LEGGI ANCHE: Cerimonia di apertura dei Giochi paralimpici di Tokyo 2020, applausi per la bandiera dell’Afghanistan

Khudadadi e Rasouli sono stati accolti dal presidente dell’International Paralympic Committee, Andrew Parsons, e dal presidente del Consiglio degli atleti dell’Ipc, Chelsey Gotell. Dopo essere stati trasportati in salvo lo scorso fine nsettimana ed essere stati costretti a saltare la cerimonia d’apertura della Paralimpiade, i due atleti hanno trascorso la settimana a Parigi, in Francia, in un centro di allenamento del ministero dello Sport. Ieri sera la partenza verso Tokyo con un volo dall’aeroporto Charles de Gaulle fino allo scalo di Haneda a Tokyo, quindi l’arrivo al Villaggio paralimpico.

“Abbiamo sempre saputo che c’era una remota possibilità che entrambi gli atleti potessero partecipare a Tokyo 2020, motivo per cui la bandiera afghana ha sfilato alla Cerimonia di apertura– ha spiegato Parsons- Come tutti gli atleti qui a Tokyo 2020, non abbiamo mai perso la speranza e ora avere Zakia e Hossain nel Villaggio Paralimpico insieme agli altri 4.403 paralimpici dimostra il potere dello sport di unire le persone in pace”.

Quella che ha permesso ai due afghani di arrivare a Tokyo “è stata un’importante operazione globale: la nostra priorità numero uno è e sarà sempre la salute e il benessere di entrambi gli atleti. Negli ultimi 12 giorni, Zakia e Hossain hanno continuato a esprimere il loro assoluto desiderio di venire a Tokyo”. Ora “possono realizzare i loro sogni, inviando un forte messaggio di speranza a tanti altri nel mondo”.

Zakia Khudadadi gareggerà nella categoria di peso K44 -49kg femminile nel taekwondo giovedì prossimo e sarà la prima atleta donna afghana a partecipare ai Giochi Paralimpici da Atene 2004. Hossain, che originariamente avrebbe dovuto partecipare oggi ai 100 metri T47 maschili, sarà in gara nelle batterie dei 400 metri T47, venerdì prossimo. Domani mattina alle 11 ora locale in Giappone è prevista una conferenza stampa al Main Press Centre con il presidente Parsons. I due atleti, invece, saranno tutelati durante tutti i Giochi Paralimpici: non saranno disponibili per interviste e sono stati autorizzati a non prendere parte alla zona mista dopo le gare.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»