Scuola, Villani (Sip): “Il rischio zero non esiste”

"Fondamentale conoscere ciò che accade per regolare comportamenti"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Il rischio zero non esiste, ma e’ importante che ci sia conoscenza di cio’ che accade e che questa presa di coscienza regoli i nostri comportamenti”. Alberto Villani, presidente della Societa’ italiana di pediatria (Sip), lo sottolinea ai microfoni di TgCom24 in merito alla riapertura delle scuole.

“Il ritorno tra i banchi sara’ tanto piu’ possibile e sicuro quanto piu’ tutti rispetteranno le regole. E’ una questione di responsabilita’ collettiva”, ribadisce il pediatra. Villani sottolinea in particolare che “grazie alle misure di contenimento adottate, che hanno rappresentato senz’altro un grande sacrificio per i cittadini, l’Italia e’ attualmente uno dei Paesi piu’ sicuri.

E questo proprio perche’ c’e’ stata molta responsabilita’”.
In merito agli episodi recenti che hanno portato alla chiusura delle discoteche, secondo il presidente Sip si tratta di situazioni che “non hanno tenuto in debito conto il rischio rappresentato dal Coronavirus”.

Adesso, “se avremo senso di responsabilita’ e rispetteremo le regole che ci siamo dati- conclude Villani- l’Italia continuera’ ad essere un Paese sicuro e la riapertura delle scuole non solo sara’ possibile ma lo sara’ in ragionevole sicurezza”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

28 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»