Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Film a rischio, 3 giorni di stop nelle sale ‘The space’

Gli addetti si fermeranno per sei ore nei 36 multiplex italiani
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Chi volesse andare al cinema il prossimo weekend in una delle sale del circuito The Space Cinema potrebbe incontrare qualche difficoltà; la programmazione di alcuni film potrebbe saltare. Infatti, per il 31 agosto, l’1 e il 2 settembre è stato indetto uno sciopero nazionale nei 36 multiplex del circuito. Si tratta di uno stop di sei ore totali (modalità e orari saranno decisi dagli addetti del singolo cinema o a livello di territorio) indette da Slc-Cgil, Fistel-Cisl e Uilcom-Uil contro “il percorso intrapreso da The Space Cinema con licenziamenti individuali e atti unilaterali”.

Un braccio di ferro che si è aperto l’11 luglio scorso a Livorno per il ‘taglio’ di quattro lavoratori, motivato dal calo degli introiti e delle presenze che il sindacato ha però contestato. Un percorso, per Slc-Fistel-Uilcom, “assolutamente inaccettabile, tanto più che ormai riguarda diverse sedi del gruppo (dopo Livorno, ora Bari e Salerno) e proprio i delegati sindacali dei vari siti. Se da un lato l’azienda millanta la volontà di relazioni sindacali aperte, dall’altro opera in maniera subdola e non condivisa mettendo a tacere la voce dei lavoratori, attraverso licenziamenti improvvisi”.

Inoltre, ci sono “richieste di prestazione aggiuntive” senza l’applicazione del contratto nazionale sul pagamento delle mansioni extra. “Ribadiamo con decisione che non è questo il modo per affrontare le criticità del settore e le difficoltà di mercato, nè le relazioni industriali”, insistono le sigle lanciando i tre giorni di mobilitazione nei 36 multiplex (362 sale e 79.000 posti a sedere) presenti in tante regioni: uno in Abruzzo, Liguria e Sicilia, due in Sardegna, Calabria, Piemonte, Umbria, Friuli Venezia Giulia, Puglia e Veneto; tre in Campania e in Toscana, quattro in Emilia-Romagna, cinque in Lombardia.

Leggi anche:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»