Uganda, dal carcere all’ospedale il rapper Wine sfida Museveni

Ricoverato per percosse subite dopo incriminazione per tradimento
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – E’ stato ricoverato in ospedale dopo le percosse subite in carcere, Bobi Wine, deputato nonché stella del raggae e dell’afrobeat finito nel mirino per l’opposizione al presidente Yoweri Museveni: lo riferisce l’edizione online del ‘Daily Monitor’, uno dei principali quotidiani dell’Uganda. Secondo questa ricostruzione, Wine è giunto al Lubaga Hospital di Kampala questa mattina, dopo aver lasciato in mattinata Gulu, la città del nord dove era comparso ieri in tribunale. Proprio ieri al deputato e ad altri 32 esponenti di opposizione incriminati per “tradimento” era stata concessa la libertà su cauzione.

Trentasei anni, vero nome Robert Kyagulanyi, Wine è divenuto una figura di spicco dell’opposizione al presidente, in carica dal 1986. Le manette erano scattate il 13 agosto, durante un corteo nella città nord-occidentale di Arua. In parlamento Wine era stato eletto lo scorso anno, sull’onda della notorietà conquistata anche nelle baraccopoli con versi taglienti che gli erano valsi il soprannome di “presidente del ghetto”.

Ti potrebbe interessare:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»