A Catania si apre la festa nazionale dell’Unità, la prima in Sicilia

L'inaugurazione si terrà alle 18,30, stasera un dibattito col ministro Graziano Delrio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

festa_unità2_pd

CATANIA – Prende il via oggi a Catania la Festa nazionale dell’Unità, che si svolgerà nei giardini di Villa Bellini, dal 28 agosto all’11 settembre. ‘L’Italia che dice Sì‘, il tema della festa.

PER L’APERTURA ARRIVANO ORFINI, SERRACCHIANI E CROCETTA. STASERA DELRIO

G. Delrio

La cerimonia d’apertura avrà luogo nel pomeriggio, alle 18.30, presso il palco centrale, alla presenza del presidente del Pd Matteo Orfini, della vice segretaria nazionale del partito Debora Serracchiani, del presidente della Regione Sicilia Rosario Crocetta, del sindaco di Catania Enzo Bianco, del segretario regionale del Pd Fausto Raciti e del segretario provinciale del Pd Catania Enzo Napoli.

Alle 20.30, sempre sul palco centrale, si svolgerà l’iniziativa ‘Cosi’ sblocchiamo l’Italia’, con il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio, Debora Serracchiani e Maurizio Gentile, amministratore delegato di Rfi. Modera il dibattito Eugenio Occorsio.

FARAONE: “E’ LA PRIMA IN SICILIA, SONO ORGOGLIOSO”

“Al via oggi pomeriggio la Festa nazionale de L’Unità a #Catania. Orgoglioso: la prima in Sicilia. Ci vediamo lì per dire sì a cambiamento”. Lo scrive su Twitter il sottosegretario all’Istruzione Davide Faraone.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»