Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sudafrica, Padre Ferraro: “I disordini sono ciclici, il Covid esaspera”

padre ferraro
Negli scontri di questi giorni oltre 300 persone hanno perso la vita. Il Sudafrica è uno dei Paesi più colpiti dal Covid, ma tra la popolazione non c'è molta consapevolezza
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “I disordini a cui abbiamo assistito in Sudafrica negli ultimi giorni non devono stupire: sono ciclici, endemici, perché dal 1994“, quando è finito l’apartheid con l’avvento del presidente Nelson Mandela ed è cominciato il cammino democratico del Paese, “le fratture etniche e le disuguaglianze economiche non sono mai state veramente affrontate e il Covid-19 le ha semplicemente accentuate“. Padre Filippo Ferraro, coordinatore dei progetti in Sudafrica per l’Agenzia scalabriniana per la cooperazione allo sviluppo (Ascs), commenta per l’agenzia Dire i fatti degli ultimi giorni.
La condanna a 15 mesi dell’ex presidente Jacob Zuma ha generato proteste da parte dei suoi sostenitori, poi degenerate in atti di vandalismo e razzie che hanno colpito centinaia di negozi, supermercati, centri commerciali e stazioni di benzina nelle province orientali di KwaZulu-Natal e Gauteng. Negli scontri oltre 300 persone hanno perso la vita.

A Johannesburg, dove Ascs proprio in quei giorni aveva aperto una clinica per fornire servizi medico-sanitari di base, “tanto carenti tra i ceti più bassi della popolazione”. La situazione “era brutta anche se l’epicentro delle violenze era Durban, sulla costa” ricorda padre Ferraro. “C’era l’esercito in strada e le autorità chiedevano di non uscire”.
Violenze che molti denunciano come “pilotate” e risultato di mesi di lockdown, restrizioni e disagio. Il Sudafrica è stato tra i Paesi più colpiti dalla pandemia, eppure “tra la gente non c’è percezione reale del virus”, avverte padre Ferraro, “perché spaventano di più la tubercolosi o l’Aids. Il vero problema è stata la crisi economica innescata dal Covid che ha accentuato la disparità di accesso ai servizi sanitari, al lavoro, all’istruzione”.

La frattura tra chi vive bene e chi fatica ad arrivare a fine giornata è ancora legata alle divisioni razziali, tra bianchi (generalmente più benestanti) e le varie comunità nere. Ci sono poi gli immigrati dall’Africa e da Paesi come India o Bangladesh.

Gli scalabriniani lo sanno bene: a Città del Capo, riferisce il coordinatore di Ascs, da tempo portano avanti progetti per integrare al meglio le comunità residenti con i migranti economici, i rifugiati e i richiedenti asilo: gli stranieri, nel Paese, superano i tre milioni. “Offriamo interventi di assistenza paralegale, programmi per le donne, una casa famiglia per minori vulnerabili e poi un Centro studio sulle migrazioni”, un fenomeno tanto pervasivo in Africa “ma su cui i dati sono pochi”.

Secondo padre Ferraro, servirebbe un piano “capillare di riforme”, a partire dall’accesso all’istruzione elementare di qualità, necessaria se si vuole garantire un futuro ai giovani, risolvendo l’annoso problema della disoccupazione.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»