Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Sterilgarda chiede il green pass ai suoi dipendenti e viene bersagliata sui social

sterilgarda azienda
L'azienda lombarda attiva nel settore alimentare ha annunciato ai propri lavoratori che da settembre senza green pass non potranno continuare a svolgere le loro mansioni. Ed è stata attaccata in rete dai no vax e no green pass
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una comunicazione interna di un’azienda ai propri lavoratori che diventa di dominio pubblico e scatena la bufera social: è quanto accaduto a Sterilgarda, azienda di Castiglione delle Stiviere (Mantova) attiva nel settore alimentare che, tramite il presidente del consiglio d’amministrazione Fernando Sarzi, ha scritto ai propri lavoratori per informarli che a partire da settembre servirà il green pass per continuare a svolgere le consuete mansioni. “A chi risulterà privo di green pass per la mancata sottoposizione all’iter vaccinale verranno attribuite mansioni diverse da quelle normalmente esercitate e tali da escludere rischi di contagio per contatti con altri dipendenti”, si legge nella lettera. In cui Sterilgarda precisa che comunque, per i lavoratori sprovvisti di green pass, si proseguirà “con erogazione della relativa retribuzione“. Anche se, continua la missiva firmata da Sarzi, “qualora la modifica della mansione non sia possibile o esponga altri dipendenti collaboratori alla medesima situazione di rischio, il lavoratore non verrà ammesso in azienda con sospensione della retribuzione sino alla ripresa dell’attività lavorativa“.

sterilgarda lettera dipendenti green pass

LEGGI ANCHE: Green pass per andare in ufficio? “Decide la politica, ma i lavoratori vanno tutelati”

TRAVOLTI DALLA TEMPESTA SOCIAL

Tra le motivazioni addotte dalla società, quella principale è “la convinzione che gli strumenti di contenimento della pandemia, in primis i vaccini, siano e saranno fondamentali per evitare la reintroduzione di misure restrittive della libertà personale e per lo svolgimento delle attività economiche“. E in ogni caso, è opinione di Sterilgarda che “l’esibizione di un green pass valido per l’accesso al sito lavorativo rientri anche tra gli obblighi di diligenza, correttezza e buona fede su cui si fonda il rapporto di lavoro”. Eppure, l’azienda lombarda è stata bersagliata da commenti negativi sui social network da parte della galassia dei no vax e no green pass. Sulla pagina Facebook di Sterilgarda il post più recente, dello scorso 22 luglio, è stato commentato da più di 500 utenti, molti dei quali hanno attaccato la società per la decisione. E nella pagina delle recensioni, il ‘rating’ è crollato: attualmente ha zero stelle su cinque. Su Twitter, il nome della società di Castiglione dello Stiviere è entrato tra i trending topic e sono iniziati ad arrivare anche i commenti a sostegno dell’iniziativa dell’azienda.

L’AZIENDA: “INTERPRETAZIONI ERRATE, NON IMPONIAMO O MINACCIAMO NULLA”

Dopo ore in cui Sterilgarda ha continuato a dominare la scena social, la stessa società ha pubblicato su Facebook un comunicato di chiarimento, sempre a firma del presidente del cda Fernando Sarzi. Stigmatizzando le “reazioni anche scomposte e aggressive” e definendosi “fortemente rammaricata dal travisamento delle proprie intenzioni”. Nella nota, Sarzi sottolinea che “in nessuna parte del testo si è mai minacciato di licenziare alcuno” e che, “in attesa che il governo e le parti sociali prospettino una soluzione concordata che la nostra società, come fatto finora, si adopererà immediatamente ad applicare”, Sterilgarda aprirà un tavolo di discussione con i sindacati e il medico del lavoro “per valutare meglio il miglior percorso da intraprendere perché nessuno debba subire un abuso o una lesione”. Ma, ha ricordato l’azienda lombarda, “il diritto alla salute dei dipendenti e delle loro famiglie deve essere salvaguardato al pari del diritto al lavoro di ognuno“. E l’azienda, conclude la nota, “ha dimostrato fattivamente e non a parole di avere a cuore i propri dipendenti e le loro famiglie”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»