Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Valgrisenche rivive nelle foto del ‘bon José’ Frassy

FOTO FRASSY
Una installazione permanente per non dimenticare "Lo bon José", che tra gli Anni 20 e la metà degli Anni 40 del Novecento ha immortalato paesaggi e persone della zona
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Valgrisenche (Aosta) – Valgrisenche dedica una mostra al “suo” fotografo. Lo fa con un’installazione permanente, in pieno centro, a due passi dalla chiesa parrocchiale di San Grato, in parte nei locali del Vieux Quartier, il fortino che domina il borgo. La mostra si chiama “Lo bon José” ed è dedicata a Joseph-Alexis Frassy, che tra gli Anni 20 e la metà degli Anni 40 del Novecento ha immortalato Valgrisenche, i suoi villaggi, i suoi alpeggi, i suoi abitanti con centinaia e centinaia di fotografie.

L’esposizione sarà presentata sabato, 31 luglio, alle 16 nel capoluogo, con la partecipazione della compagnia teatrale amatoriale “Le Gantaléi”. La mostra è organizzata dalla Pro loco, curata da Bruno Béthaz e Carlo Rossi, ha avuto il contributo del Comune e del Consorzio degli enti locali valdostani. Comprende 27 fotografie.

CHI ERA FRASSY

Frassy, classe 1895, era noto a tutti con il nomignolo “lo bon José” grazie alla sua grande disponibilità e alla sua infinita pazienza. Cantore, organista, disegnatore e pittore, fotografo e guida, per lavoro si occupava della centralina della Société Hydroélectrique Valgrisenche. Morì nel 1951, in circostanze drammatiche: lo chiamarono per deviare l’acqua che alimentava la centralina quando, alzando una paratoia, perse l’equilibrio e cadde nel torrente. Lo cercarono lungo le rive della Dora per giorni, per settimane. Il suo corpo fu ritrovato soltanto due mesi dopo. Il fondo fotografico di Frassy è stato recuperato di recente, anche se incompleto: è costituito da 350 lastre fotografiche negative ed è stato ceduto dalla famiglia all’Avas, l’Association valdôtaine des archives sonores. Su iniziativa dell’Avas, le lastre sono state dapprima pulite e restaurate dal laboratorio Sisho di Torino e poi digitalizzate e sottoposte a un intervento di condizionamento conservativo da parte di Enrico Peyrot di Aosta.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»