Premio Caccuri, ecco i finalisti

Il vincitore del più importante concorso di saggistica in Italia sarà proclamato al termine della manifestazione, dal 19 al 24 settembre 2020
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Si terrà eccezionalmente dal 19 al 24 settembre 2020 la IX edizione del Premio Letterario Caccuri, il più importante concorso di saggistica in Italia.

Sono Bianca Berlinguer con Storia di Marcella che fu Marcello (La Nave di Teseo), Alan Friedman con Questa non è l’Italia (Newton Compton), Renzo e Carlo Piano con Atlantide. Viaggio alla ricerca della bellezza (Feltrinelli) e Walter Veltroni con Odiare l’odio (Rizzoli) i quattro finalisti selezionati per l’edizione 2020.

















Previous
Next

L’Accademia dei Caccuriani, associazione culturale non profit che da quasi 10 anni organizza la manifestazione, annuncia i titoli che si contenderanno l’ambìto riconoscimento al termine di sei giornate all’insegna della lettura, con un programma ricco di suggestioni che intende, quest’anno più che mai, dare il proprio contributo al settore editoriale e al dibattito pubblico sui principali temi di attualità, senza dimenticare l’intrattenimento e l’appartenenza al territorio in un’ottica globale.

Questa edizione del Premio è una vera e propria sfida – dichiarano gli organizzatori –, una scelta di resistenza culturale di fronte alle avversità e all’imprevedibilità del presente e del futuro. Si riparte dalla cultura e dal territorio, fondamentali risorse del Paese.

Il pregio del Premio, riconosciuto anche dal Presidente della Repubblica che ha inteso premiare l’impegno, il consenso di pubblico e l’entusiasmo degli organizzatori con l’onorificenza della Medaglia al valore culturale, viene ulteriormente confermato quest’anno dalla collaborazione con tre Media Partner d’eccellenzaRai Radio 3, l’Agenzia di stampa Dire e il Gruppo Pubbliemme.

Come di consueto, i quattro saggi – selezionati da un comitato scientifico presieduto dallo storico Giordano Bruno Guerri – saranno votati da una giuria popolare e da una nazionale, composte in totale da 110 giurati (30 i nazionali e 80 gli accademici), il vincitore si aggiudicherà la “Torre d’Argento – Premio Bper” forgiata dal maestro orafo Michele Affidato.

La giuria nazionale conta e ha contato tra le sue fila personalità del mondo della cultura, dell’economia e del giornalismo, tra le quali: Pino Aprile, Francesco Caringella, Luisella Costamagna, Ferruccio De Bortoli, Franco Di Mare, Antonio Ereditato, Marco Frittella, Davide Giacalone, Maria Rosaria Gianni, Armando Massarenti, Salvatore Silvano Nigro, Gianluigi Nuzzi, Piergiorgio Odifreddi, Corrado Petrocelli, Alessandro Profumo. La seconda giuria, questa volta popolare, è la Giuria degli Accademici Caccuriani, formata da 80 sostenitori dell’Associazione culturale.

Il palmares dei vincitori del contest di saggistica delle precedenti edizioni annovera Pino AprileRoberto NapoletanoBarbara SerraClaudio MartelliGianluigi NuzziAntonio PadellaroNicola Gratteri e Carlo Cottarelli.

Saranno assegnati, inoltre, riconoscimenti speciali per la narrativa, il giornalismo, la musica, l’economia e, più in generale, l’entertainment.

Non soggetto a voto delle due Giurie, ma di pari standing, il Premio speciale “FonCarical – Alessandro Salem” attribuito ai talenti del nostro Paese e assegnato nelle precedenti edizioni ad Alessandro ProfumoPaolo MieliCarmen LasorellaAntonio AzzaliniMichele Placido, Massimo Cacciari e Jan Slangen.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»