Pseudonormalità che fatica. Il consiglio degli psicologi? Ripartire dalla luce del sole

Ecco i piccoli accorgimenti proposti dagli psicologi e dagli psicoterapeuti dell'equipe 'Lontani ma vicini', il progetto targato Istituto di Ortofonologia (IdO) e DireGiovani
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Affaticati come mai prima d’ora, non solo per gli ultimi giorni lavorativi prima delle vacanze. È questa la condizione di moltissimi italiani che con la ‘riapertura’ hanno dovuto fronteggiare un gran paradosso: un veloce ritorno ai ritmi precedenti al lockdown, alla cosidetta ‘normalita”, che intanto non sembra essere piu’ tanto normale. Se infatti “tutto appare tornato come prima, o quasi, in molti riportano difficolta’ a riprendere i ritmi precedenti alla chiusura imposta. Ci si puo’ sentire meno attivi, meno propositivi e anche piu’ pigri”. E allora “com’e’ possibile recuperare lo stato vitale precedente l’emergenza, conservando comunque lo stato di benessere derivato dall’aver rallentato un po’ i ritmi frenetici?”. 

Luce del sole, sveglie regolari, non troppo alcol e sostanze eccitanti, ripresa di attivita’ fisica cadenzata. Se si sente la fatica della ripresa, infatti, sono questi i piccoli accorgimenti proposti dagli psicologi e dagli psicoterapeuti dell’equipe ‘Lontani ma vicini‘, il progetto targato Istituto di Ortofonologia (IdO) e DireGiovani, nato nell’ambito della task force del ministero dell’Istruzione per il supporto a studenti e famiglie in fase di pandemia.

Il team, infatti, riflette sul periodo passato che “ha portato modifiche importanti nelle abitudini quotidiane, negli stili di vita e di lavoro. Paura, ansia, preoccupazione hanno accompagnato il durante ma anche il post Covid– ricordano- Dopo un momento iniziale di difficolta’, molti di noi si sono abituati a vivere con piu’ tranquillita’, a godere maggiormente la famiglia, i propri spazi e i tempi piu’ dilatati. È necessario- continuano- dare tempo al corpo e alla psiche affinche’ riprendano a riadattarsi alle nuove condizioni e stili di vita”. Cosi’, tra i possibili rimedi, c’e’ “l’esposizione, il piu’ possibile, alla luce del sole perche’- argomentano- la luce ha un forte impatto positivo sull’umore, con la conseguenza di rendere piu’ disposti a fare e piu’ attivi”. E ancora, il consiglio e’ “mantenere orari regolari di risveglio il piu’ possibile, non esagerare con l’assunzione di alcolici o sostanze eccitanti e troppo zuccherate perche’- continuano- possono dare una sensazione di benessere immediata ma presto l’effetto svanisce”. Infine, occorre quanto prima “riprendere a fare attivita’ fisica regolarmente, la parola d’ordine e’ riattivarsi gradualmente e non stressarsi nella breve attesa dell’arrivo di vacanze meritate”, concludono.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

28 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»