fbpx

Tg Politico Parlamentare, edizione del 28 luglio 2020

EMERGENZA E SCOSTAMENTO, GOVERNO ALL’ESAME DEL SENATO

Proroga dello stato d’emergenza, nuovo scostamento di bilancio, rinnovo delle presidenze di commissione. Giornate difficili per il governo e la maggioranza. Un passaggio stretto, che inizia oggi al Senato. Il governo vuole prorogare l’emergenza Covid, che scade venerdì, fino al 31 ottobre. Salvini e Meloni promettono battaglia. Sul nuovo deficit è Forza Italia che minaccia di far mancare i voti: “Il nostro sostegno non è scontato”, dice Silvio Berlusconi. Infine, oltre al rinnovo delle presidenze di commissioni, alcune delle quali sono ancora in mano alla Lega, giovedì in Senato c’è il voto sul caso Open Arms. Palazzo Madama deve decidere se autorizzare o meno il processo nei confronti di Salvini.

EXPORT, DUE ANNI PER RISALIRE

Nel 2020 le esportazioni italiane subiranno una brusca frenata e chiuderanno l’anno in flessione del 12%, a prezzi costanti, per poi crescere del 7,4% nel 2021 e del 5,2% nel 2022. Così il Rapporto sull’Italia nell’economia internazionale, stilato dall’Agenzia per il commercio estero. Si calcola che l’export dal nostro Paese guadagnerà nuovamente i livelli 2019 solo nel 2022. La ‘colpa’ è della pandemia da CoViD-19 responsabile di una brusca frenata che farà perdere tre anni nel percorso di crescita dell’export. Una brusca frenata rispetto alla progressione ininterrotta dal 2010.

FUOCO SUI MIGRANTI IN LIBIA, LA SINISTRA SI RIBELLA

La Guardia Costiera libica che spara sui migranti causando tre morti e quattro feriti innesca la dura reazione del fronte progressista in Italia. Il segretario Pd Nicola Zingaretti chiede al governo di “affrontare la crisi urgentemente e in modo adeguato” con “passi in avanti su accoglienza e collocamento, chiarezza nei confronti dei Paesi di partenza e difesa dei diritti umani”. Decisamente critiche le posizioni del deputato dem Matteo Orfini e di Nicola Fratoianni, che condannano l’approccio al fenomeno migratorio basato su interventi emergenziali. Il presidente della commissione Regeni Erasmo Palazzotto chiede al governo di riferire in aula. “Non possiamo essere complici di crimini”, dice.

AMBULANTI IN PIAZZA: FAR RIPARTIRE LE SAGRE

Riaprire sagre e fiere ancora chiuse a causa del coronavirus. Lo chiedono gli ambulanti, in piazza a Montecitorio per protestare contro uno stop che sta mettendo in ginocchio 60mila piccoli imprenditori. E’ una crisi – sostengono- che si ripercuote sulla filiera dei dolciumi, sull’enogastronomia e sul tessile. ‘Stiamo difendendo il nostro patrimonio culturale e imprenditoriale”, sostiene Rosato Marrigo, segretario nazionale dell’ANA, l’Associazione Nazionale Ambulanti, che sottolinea come lo stop forzato comprometta una parte dell’identità culturale italiana.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Guarda anche:

28 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»