Migranti, la guardia costiera libica spara sulle persone durante sbarco: 3 morti

I migranti erano stati intercettati in mare e riportati a terra dalla Guardia Costiera libica. A denunciare l'accaduto e' l'Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim)
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Tre migranti sono morti nella notte durante una sparatoria avvenuta la scorsa notte a Khums, a est di Tripoli, durante le operazioni di sbarco. A quanto si apprende, la guardia costiera libica avrebbe fatto fuoco sui migranti dopo averli fatti sbarcare  La notizia è stata diffusa dall’Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), che ha reso che “le autorità locali hanno iniziato a sparare nel momento in cui alcuni migranti, scesi da poco a terra, avevano cercato di darsi alla fuga“.

LEGGI ANCHE: Sparatoria in Libia, Palazzotto: “Governo riferisca, non siamo complici di crimini”

Ad un primo bilancio di due morti si aggiunge una terza persona, prima solo ferita, che è deceduta. “Purtroppo abbiamo appena saputo che uno dei migranti feriti è morto durante il trasporto in ospedale. Sono quindi tre i migranti uccisi dopo essere stati fatti sbarcare a Khums“. Lo scrive su Twitter Flavio Di Giacomo, portavoce dell’Ufficio di coordinamento per il Mediterraneo della Iom, l’Agenzia delle Nazioni Unite per la migrazione.

ORFINI: ORRORE MIGRANTI UCCISI IN LIBIA, ITALIA NE È RESPONSABILE

“La guardia costiera libica ha ucciso due persone, dopo averle riportate a terra. Al netto di tutte le ipocrisie di circostanza, è esattamente quello per cui la finanziamo: fermare i migranti con ogni mezzo. Un orrore di cui il nostro Paese è consapevolmente responsabile”. Lo scrive su Twitter Matteo Orfini, deputato Pd.

LEGGI ANCHE: Migranti e Covid? Fratoianni: “Da Minniti errore culturale drammatico”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

28 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»