Coronavirus e scuola, Villani (Sip): “Test sierologici tengono alta attenzione”

Per il presidente della Società italiana di pediatria, l'Italia si sta sempre più configurando come un "modello" per le altre nazioni nella gestione del coronavirus
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “I test sierologici consentono di tenere sempre alta l’attenzione sulla situazione epidemiologica e l’Italia si sta sempre più configurando come un modello per le altre nazioni“. Lo dichiara Alberto Villani, presidente della Società italiana di pediatria (Sip), al Gr Parlamento e a Radio Rai Uno, commentando la bozza del protocollo d’intesa, proposta dal ministero dell’Istruzione e dai sindacati, per l’inizio del nuovo anno scolastico. La bozza prevede che tutto il personale scolastico venga sottoposto ai test sierologici, e anche gli studenti su adesione volontaria, presso le strutture di medicina di base e non all’interno delle scuole. Inoltre, viene previsto un sostegno psicologico per fronteggiare situazioni di insicurezza, stress, ansia e l’individuazione, per tutte le scuole, del medico competente.

“Credo sia opportuno- conclude Villani- non solo monitorare nella scuola, attraverso figure professionali, come il medico o l’infermiera, ma arrivare anche all’educazione sanitaria, come materia di insegnamento dalla materna all’ultimo anno delle superiori“.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

28 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»