Bologna issa sulla Garisenda il grido di libertà per Patrick Zaki

Per lo studente dell'Alma Mater altri 45 giorni di detenzione in Egitto. Sindaco e rettore: "Non ci stancheremo di chiedere libertà"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print







Previous
Next

BOLOGNA – Ancora una volta Bologna chiede libertà per Patrick Zaki e lo fa dal cuore della città: la torre Garisenda. Il cartellone con l’immagine ideata dall’artista Gianluca Costantini è visibile da questa mattina su un ponteggio allestito nell’ambito del cantiere per i lavori di consolidamento della torre che si trova nel cuore della città, a pochi passi da piazza Maggiore dove il cartellono per Zaki era stato precedentemente esposto.

Proprio ieri il Tribunale egiziano ha stabilito una nuova proroga di 45 giorni della detenzione cautelare per lo studente iscritto al Master Gemma dell’Università di Bologna, arrestato a Il Cairo lo scorso 7 febbraio e ancora in stato di detenzione preventiva.

LEGGI ANCHE: Patrick Zaki resta in carcere, confermati 45 giorni di detenzione cautelare

Il cartellone è stato realizzato dall’agenzia di pubblicità TMC che il Comune di Bologna ringrazia per la grande collaborazione fornita nell’amplificare questa richiesta di libertà. “Non ci stancheremo di continuare a chiedere libertà per Patrick, crediamo fermamente nella libertà di ricerca e di espressione e nella difesa dei diritti umani- dichiarano il Sindaco Virginio Merola e il Rettore Francesco Ubertini- va posta fine alla sua detenzione per restituirlo agli studi in una città che lo attende”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»