Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

VIDEO | Migranti, Salvini: “Con questo governo sbarcano perfino i barboncini”

Salvini torna ad attaccare sul tema degli sbarchi. E cita il caso degli 11 tunisini arrivati a Lampedusa vestiti da turisti e con un barboncino al seguito
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print







Previous
Next

ROMA – “Il Viminale si accorge solo ora di dover fermare i flussi dalla Tunisia, con centinaia di immigrati in fuga dai centri di accoglienza e silenzio totale sulla redistribuzione degli immigrati all’estero. Mentre i clandestini arrivano a frotte, anche con barboncini evidentemente scampati ai lager libici, giovedì il Senato deciderà se devo essere processato per aver difeso i confini. Orgoglioso di aver protetto l’Italia e gli italiani: la rifarei e lo rifarò”. Lo dice il segretario della Lega Matteo Salvini.

Il riferimento al barboncino è legato a un video pubblicato ieri pomeriggio dalla pagina Facebook ‘Local team’ che ha ritratto uno sbarco di 11 migranti tunisini vestiti a mo’ di turisti, con cappelli di paglia e pure un barboncino bianco al seguito. Gli undici, secondo quanto scrive il Messaggero, erano su un barchino al largo di Lampedusa e sono stati intercettati dalla Guardia costiera che li ha trasportati sul gommone e fatti sbarcare al molo Madonnina.

Il video pubblicato da Local Team:

https://vimeo.com/442296244

LEGGI ANCHE:

A Porto Empedocle migranti in fuga in massa dalla tensostruttura della Protezione Civile

Migranti, Lamorgese: “In Sicilia in arrivo navi-quarantena e militari per i centri di accoglienza”

Salvini: “Sbarchi triplicati, ma ora la maggioranza va in motoscafo a Ischia”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»