Eutanasia, Marco Cappato e Mina Welby assolti per il caso Trentini

Avevano aiutato il 53enne Davide Trentini affetto da Sla a ottenere l’aiuto medico alla morte volontaria in Svizzera
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Marco Cappato e  Mina Welby sono stati assolti nel processo a Massa che li vedeva imputati per aver aiutato il 53enne Davide Trentini affetto da Sla a ottenere l’aiuto medico alla morte volontaria in Svizzera. Il Pubblico Ministero aveva chiesto la condanna a 3 anni e 4 mesi di carcere, il minimo della pena per casi simili. “Un altro passo avanti verso un più ampio riconoscimento del diritto ad essere aiutati a morire. L’azione di disobbedienza civile proseguirà finché il Parlamento non deciderà sulla proposta di legge eutanasialegale.it che attende da 7 anni”, ha scritto su Facebook Cappato ieri sera, subito dopo la sentenza.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

28 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»