FOTO | Maltempo, temporali e venti forti sull’Italia: due morti

Le vittime sono una ragazza di 27 anni di Fiumicino e un uomo di 72 anni di Arezzo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print









Precedente
Successivo

ROMA – Una forte ondata di maltempo si è abbattuta sull’Italia, causando due morti. Il primo è un uomo di 72 anni di Arezzo, disperso nella serata di ieri. Il corpo dell’anziano è stato ritrovato questa mattina dai Vigili del Fuoco: la sua auto era stata travolta dalla piena.

Pioggia e venti forti hanno colpito nella notte anche la Capitale. Allagate alcune fermate della metro A, rimaste chiuse fino alle 10 di questa mattina. Nel comune di Fiumicino, una tromba d’aria ha spazzato via un’automobile causando la morte di una ragazza di 27 anni di Focene. “La violenza della tromba d’aria ha sollevato l’auto che viaggiava su via Coccia di Morto sbattendola prima sul guard rail, poi oltre il canale di bonifica sfondando la staccionata della pista ciclabile e, infine, contro la rete dell’area aeroportuale- scrive in un post di cordoglio su Facebook il sindaco del comune alle porte di Roma Esterino Montino-. Ora l’auto, che ha sfondato anche la rete della recinzione, è dentro il sedime aeroportuale. Per la giovane donna, purtroppo, non c’è stato nulla da fare e il suo corpo è stato portato all’obitorio per gli accertamenti necessari. Appresa la notizia, questa mattina all’alba, mi sono subito recato a Focene, dove ho potuto incontrare i genitori della ragazza, comprensibilmente affranti dal dolore. A loro e a tutti quelli che la conoscevano va il mio più caloroso abbraccio e la mia più sincera vicinanza per la tragedia che li ha colpiti. La tromba d’aria che ha colpito Focene intorno alle 2.15 ha fatto moltissimi altri danni colpendo una ventina di case circa. Una di queste è stata completamente distrutta. Ci sono alberi divelti, calcinacci, recinzioni abbattute, auto danneggiate ovunque”.

Una situazione gravissima: sembra un teatro di guerra. Prima di tutto per quello che è successo alla povera ragazza e poi per i tantissimi danni. In questo momento, insieme agli assessori, ai vigili e alla Protezione civile, stiamo facendo dei sopralluoghi per verificare nel dettaglio la situazione.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»