Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Siccità, Raggi: “Governo intervenga subito per Roma”/VIDEO

virginia raggi
Continua l'emergenza siccità nella Capitale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

virginia_raggi


ROMA – “E’ intollerabile che Roma venga privata dell’acqua. E’ un danno enorme per i cittadini, per le attività economiche e commerciali. E’ un danno di immagine per tutta l’Italia. Ma sono preoccupata soprattutto per la fornitura di acqua ad ospedali, case di cura, strutture sanitarie e, non ultimo, per l’approvvigionamento ai Vigili del Fuoco che in un periodo come questo risulta di fondamentale importanza. Il Governo intervenga con gli strumenti che ha a disposizione. E’ necessaria la dichiarazione dello Stato di Emergenza per il Lazio così come avvenuto lo scorso giugno per le Province di Parma e Piacenza: un provvedimento che ha consentito di superare la crisi e che è stato richiesto con forza dal territorio. Si deve intervenire ora”. Così in un comunicato la sindaca di Roma, Virginia Raggi.


LEGGI ANCHE:

Siccità, l’annuncio di Acea: a Roma acqua razionata dal 28 luglio

Siccità, Galletti: “Regione Lazio può chiedere stato di emergenza ma non facciamo allarmismi”

Siccità, Anbi: “Mutamenti clima, stato calamità come condono edilizio per combattere abusivismo”

Siccità Roma, Lorenzin: “Con stop acqua gravi pregiudizi a servizi sanità e problemi igienici”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»